Inter, Conte: “Mai chiamato dalla Juve. Qui ho grandi responsabilità” E sul mercato…

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:08

Antonio Conte ha parlato in conferenza stampa. Alla vigilia della seconda sfida di International Champions Cup, il tecnico nerazzurro ha parlato proprio della partita contro la Juventus, ma anche di mercato e di diversi aspetti che riguardano la squadra che sta valutando proprio in questo pre campionato.

Proprio sulla sfida ai bianconeri ha esordito: Giocare queste partite aiuta ad assimilare ancora di più i concetti di gioco su cui lavoriamo, in fase di possesso e non possesso. Si analizzano le cose positive e negative al fine di migliorarsi”. 

Su Vecino e Godin, ha dato novità: Matias veniva da un infortunio e quindi sta lavorando, nel rispetto dei tempi di recupero anche se siamo molto vicini. Godin ha iniziato gli allenamenti con noi, sono due ottimi giocatori e sono felice di averli a disposizione“. 

“Contro la Juventus sarà un’amichevole importante, è un momento in cui entrambe siamo ancora in preparazione. Sia noi che loro cercheremo di giocare una buona partita e speriamo di vedere dei miglioramenti al di là del risultato”. Ha detto l’ex tecnico bianconero che si ritroverà per la prima volta contro il suo passato.

Conte commenta il mercato dell’Inter

Per i nomi che circolano penso che saranno fatte delle riflessioni e prese delle decisioni per il bene dell’Inter, tenendo conto di tutto, non solo del campo. Serve tempo per creare una base solida per portare il club al livello a cui compete. I cambiamenti della nuova proprietà sono sotto gli occhi di tutti“. 

Il tecnico pugliese ha parlato anche della sua esperienza in Inghilterra: “Mi ha arricchito professionalmente, ma ora sono contento di essere tornato in Italia ed essere a capo di una squadra così importante”. Sul suo possibile ritorno alla Juventus ha poi concluso:Non sono mai stato vicino alla Juve, non ho mai ricevuto una telefonata. È sempre stata l’Inter a mostrarmi grande interesse e grande affetto. Sento quindi una grande responsabilità per creare qualcosa di importante”.