“Non indosserò mai un’altra maglia in Italia dopo la Juve, quindi le uniche offerte che posso prendere in considerazione in base ai progetti saranno sicuramente all’estero”. Vuole essere coerente Claudio Marchisio, rientrato dall’esperienza in Russia con lo Zenit San Pietroburgo, che ha parlato in esclusiva a Sky Sport.

L’ex centrocampista bianconero, che ha deciso di rescindere il contratto perché l’operazione cui si è sottoposto gli avrebbe fatto perdere mesi importanti per il campionato e la Champions League, ha confermato l’esistenza di un interessamento da parte di Suning per portarlo in Cina. “Offerte vere e proprie e contatti, però, non ci sono stati” ha detto. “Innanzitutto conta il progetto, quindi bisogna vedere realmente cosa ci sarà in futuro. Apprezzo il lavoro che hanno fatto in Italia con l’Inter ma questa vicinanza con la maglia nerazzurra non mi porta ad essere sereno sulla scelta”.

A un mese dalla fine del percorso di riabilitazione, Marchisio ha voluto anche ringraziare i tanti tifosi del Brescia che lo vorrebbero vedere con la maglia delle Rondinelle e avevano cominciato a sognare dopo le recenti indiscrezioni su un suo possibile trasferimento. Marchisio, però, guarda lontano e non esclude un futuro in mondi lontani come il Giappone.

Non ha mai pensato, comunque, di tornare alla Juve. “Rimangono i favoriti per lo scudetto. Lo dimostrano i campionati vinti, la rosa che c’è tuttora e lo dimostra anche il cambio di allenatore, perché arriva un allenatore che all’estero ha fatto bene, ha vinto una coppa europea e ora si appresta a vivere questo mondo, quello della Juve” ha detto. Sono tornati Bonucci e Buffon, è vero. “Io ho preso la mia decisione un anno fa” ha concluso. “Era giusto , era arrivato il momento.