Marcello Lippi: “Sono stato molto vicino al Tottenham”. L’ex allenatore della Juventus, Marcello Lippi, ha rilasciato una lunga intervista al Daily Mail. L’attuale CT della Cina ha svelato alcuni retroscena interessanti relativi alla sua carriera e non solo. Lippi ha confessato che durante il periodo in cui allenava la Juventus, è stato contattato dal Tottenham: “Sì, ero molto vicino al Tottenham quando allenavo la Juventus. Sono stati molto gentili con me contattando mio figlio Davide. Ma non avevo voglia di lasciare Torino e la Juventus. Per me, la Juve è stata come il Manchester United per Ferguson: un club unico che ho adorato. Non parlavo bene l’inglese e anche questo è stato un motivo per cui ho rifiutato”.

Lippi: “Roy Keane fu molto vicino alla Juve”

Durante l’intervista al Dealy Mail, poi, Marcello Lippi ha svelato anche un retroscena di mercato intrigante. Quando il tecnico toscano sedeva sulla panchina della Juventus, i bianconeri sarebbero stati molto vicini all’acquisto di un grande giocatore del Manchester United: “Ho adorato Roy Keane. Era molto vicino a trasferirsi alla Juventus ma poi l’affare non si è concluso. Ho anche adorato Scholes”. Il CT della Cina ha proseguito spendendo due parole anche per l’attuale allenatore dei Red Devils: “Solskjaer è stato molto bravo come giocatore e spero che farà molto bene come allenatore: se lo merita”. 

Sull’amicizia con Ferguson, infine, Lippi ha dichiarato: “Era quasi come un fratello per me. Abbiamo scambiato molti doni. Gli ho portato i gianduiotti di Torino per i suoi nipoti ma alla fine li ha mangiati. Anche il vino, quello buono della mia Toscana. Adorava mandarmi i Matrioska, quelli russi, con scatole nelle scatole contenenti il ​​suo Whisky Maccallan del 1971″.