Danny Drinkwater sarebbe stato aggredito e picchiato da un gruppo di sei persone fuori un pub di Manchester, sua città di origine. La brutta avventura dell’ex centrocampista di Chelsea e Leicester è stata riportata dal “The Sun“. Il calciatore, che oggi gioca in prestito nel Burnley, è stato coinvolto in un’accesa discussione nel locale con il collega calciatore Kgosi Ntlhe, difensore sudafricano dello Scunthorpe United.

“Volevano spezzare le gambe a Drinkwater”

Drinkwater avrebbe fatto “pesanti apprezzamenti” alla compagna del calciatore, accendendo così la discussione. Allontanato dal locale dai gestori, l’ex giocatore di Leicester City e Chelsea sarebbe stato raggiunto da sei uomini, gettato in terra e picchiato in strada. Drinkwater avrebbe riportato conseguenze, tra le quali una contusione alla caviglia, che rischia di tenerlo fuori dai campi di gioco per un certo periodo. “È stato un attacco incredibilmente violento e c’era sangue dappertutto”, riferiscono testimonianze riportate dal tabloid. La violenza si è scatenata perché, a quanto pare, gli aggressori sapevano che era un giocatore di Premier League e avrebbero cominciato a colpirlo sulla caviglia, gridando “rompiamogli le gambe”.