Euro 2020: Arnautovic, bocciato dall’Inter, fa la storia dell’Austria. E sfida Piatek

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:12

Due bomber che hanno incrociato passato e presente della Milano del calcio. Un cecchino per la prima volta con le pallottole spuntate contro un “bad boy” diventato più mite da quando è diventato padre. La sfida tra Polonia e Austria, per le qualificazioni di Euro 2020, è anche il confronto fra Krzysztof Piatek, che Giampaolo vuole riportare più vicino alla porta al Milan, e Marko Arnautovic, bocciato anni fa dall’Inter e oggi miglior attaccante in attività nella nazionale austriaca.

Arnautovic all’Inter, il “bad boy” amico di Balotelli

In Austria, nessuno divide e attira l’attenzione più del trentenne Marco Arnautovic che giocò tre partite con l’Inter di Mourinho nella stagione 2009-10. Diventa amico di Mario Balotelli, cui lo accomuna una fama di “ragazzo cattivo” che sta sempre dall’altra parte. “In Austria, quando la nazionale perde è sempre colpa mia” ha detto al Telegraph nel 2013. “Se segno due gol, mi chiedono perché non ne ho fatti tre. In genere io sono il diavolo mentre David Alaba (terzino universale del Bayern Monaco) è l’angioletto”.

Marko, diceva allora Mourinho, “è una persona fantastica ma ha l’atteggiamento di un bambino”. Proprio la nascita della prima figlia, Emilia nel 2012, cambiano quella sua attitudine.

Arnautovic il record-man in nazionale

Snobbato in un sondaggio per la top 11 degli anni 2010-2019 dello Stoke City, oggi uomo-gol dello Shanghai SIPG, Arnautovic è l’attaccante in attività più prolifico nella storia della nazionale. Al settimo posto all-time con 26 gol, punta ai 44 di Tony Polster, bomber riccioluto per un anno al Torino, che è il migliore di tutti i tempi con la maglia dell’Austria.

Arnautovic, che contro la Polonia eguaglierà le 83 presenze in nazionale di Herbert Prohaska, ha segnato un gol ogni 252 minuti. Dopo aver trascorso le prime cinque partite senza andare in gol con l’Austria, si è sbloccato alla sesta presenza contro l’Azerbaigian nell’ottobre 2010 con la prima delle sue sette doppiette in nazionale. Le ultime tre sono arrivate nelle ultime quattro partite dell’Austria nelle qualificazioni a Euro 2020 contro Israele, Macedonia del Nord e Lettonia.

Il tifosi del West Ham contro Arnautovic

La Polonia avrà qualche tifoso in più. Oltre ai supporter del Milan che sperano di rivedere in gol Piatek con il derby distante solo una settimana, i tifosi del West Ham hanno dichiarato su un sito dedicato alle notizie della squadra il loro sostegno incondizionato per il portiere polacco Fabianski, che gioca appunto per gli Hammers. A motivarli, però, c’è anche l’ostilità per Arnautovic che ha segnato 22 gol per 65 partite nelle ultime due stagioni per il West Ham ma già a gennaio aveva manifestato il suo desiderio di lasciare la squadra. I tifosi non gliel’hanno perdonata.