Gli stipendi della Serie A toccano quota 1,360 miliardi di euro lordi per le venti squadre. Una crescita inarrestabile: erano 1,129 un anno fa e 882 milioni nel 2015-2016. Nell’analisi della Gazzetta dello Sport i dati che emergono sono molto interessanti. Volendo fare una classifica per monte ingaggi, in  Champions League dovrebbero andare Juventus (scudetto), Inter, Roma e Milan con Napoli Lazio fuori dalla Champions e Atalanta addirittura a centro classifica. Ovviamente non sarà così, ma è curioso come l’Atalanta, che parteciperà alla prossima Champions, sia al 13esimo posto di questa graduatoria. Il Napoli, da anni seconda forza del campionato, sarebbe addirittura fuori dalla Champions League. Roma e Milan sono avanti agli azzurri. Tra l’altro, il club rossonero ha fatto una fatica enorme a sfoltire il tetto ingaggi, eppure resiste al quarto posto in classifica. Poco da dire sulla Juventus: che ha praticamente un monte ingaggi doppio rispetto a quello dell’Inter, che pure sta salendo rapidamente in questa particolare classifica. Di fatto, l’ultimo club sopra i 100 milioni di tetto stipendi è il Napoli. Dal sesto posto in giù, occupato dalla Lazio, tutte le altre 14 società sono decisamente sotto “quota 100”. Infine, ben cinque società hanno un monte ingaggi inferiore allo stipendio del solo Cristiano Ronaldo: si tratta di Parma, Spal, Udinese, Brescia e Verona.

 

Il monte ingaggi delle squadre di Serie A (in milioni)

  1. Juventus – 294
  2. Inter – 139
  3. Roma  – 125
  4. Milan – 115
  5. Napoli – 103
  6. Lazio – 72
  7. Torino – 54
  8. Fiorentina – 50
  9. Cagliari – 44
  10. Bologna – 41
  11. Genoa – 40
  12. Sampdoria – 36
  13. Atalanta – 36
  14. Sassuolo – 35
  15. Lecce – 32
  16. Parma – 31
  17. Spal – 30
  18. Udinese – 30
  19. Brescia – 28
  20. Verona – 25