Champions League, Atletico-Juventus probabili formazioni: Higuain con Cristiano Ronaldo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:30

La Juventus debutterà questa sera in Champions League e lo farà allo stadio Wanda Metropolitano di Madrid, contro l’Atletico. I Colchoneros hanno battuto i bianconeri per 2-0 lo scorso 20 febbraio tra le mura amiche, ma si sono arresi alla storica rimonta per 3-0 all’Allianz Stadium. Dopo un anno, la Vecchia Signora presenterà in panchina un nuovo allenatore: Maurizio Sarri, il cui passato nella competizione non è così roseo.

Le due squadre arriveranno alla gara in una forma non perfetta anche sotto l’aspetto dei risultati: la Juventus, dopo una vittoria di misura con il Parma e una rocambolesca contro il Napoli, ha pareggiato contro la Fiorentina in uno scialbo 0-0. L’Atletico ha seguito un percorso simile, con l’1-0 ai danni del Leganes, il 3-2 in rimonta sull’Eibar e la sconfitta nell’ultima gara di campionato contro la Real Sociedad.

Gonzalo Higuain sarà titolare
Gonzalo Higuain sarà titolare

Atletico Madrid-Juventus, le probabili formazioni

Maurizio Sarri ha recuperato in extremis Miralem Pjanic, il bosniaco sarà titolare a Madrid. In campo spazio anche a Gonzalo Higuain, il Pipita si è ripreso dal problema alla coscia e guiderà l’attacco insieme a Cristiano Ronaldo e Bernardeschi, sostituto di Douglas Costa fermato da un problema muscolare che lo terrà fuori almeno un mese.

Simeone non avrà a disposizione Alvaro Morata, grande ex della partita, al suo posto ci sarà Diego Costa. Occhi puntati anche su Joao Felix, che in amichevole ha punito la Juventus quest’estate. A centrocampo l’argentino si affiderà a Llorente, Koke e Saul, con Lemar dietro le due punte.

Atletico Madrid (4-3-1-2): Oblak; Trippier, Savic, Gimenez, Renan Lodi; Llorente, Koke, Saul; Lemar, Joao Felix, Diego Costa.

Juventus (4-3-3): Szczesny; Danilo, Bonucci, De Ligt, Alex Sandro, Sandro; Khedira, Pjanic, Matuidi; Bernardeschi, Higuain, Cristiano Ronaldo.

Leggi anche -> Atletico Madrid-Juventus, Sarri: “Pjanic sta bene. Rabiot? Serve pazienza”