Duvan Zapata infortunato: stiramento all’adduttore in Colombia-Cile

Probabili formazioni Sassuolo-Atalanta

Brutta notizia per l’Atalanta. Duvan Zapata si è infortunato nel corso dell’amichevole tra Colombia e Cile disputata questa sera ad Alicante. L’attaccante nerazzurro, schierato da titolare dal c.t. Queiroz è uscito al 23′ del primo tempo per un problema muscolare in seguito a un’azione conclusa con un tiro in porta e parato da Claudio Bravo. Zapata è stato immediatamente sostituito da Alfredo Morelos, centravanti dei Glasgow Rangers.

Secondo Caracol Radio, in Colombia, l’infortunio di Zapata sarebbe un problema all’adduttore destro che sarà fondamentale valutare con i test medici per capire l’entità e i tempi di recupero. A fine partita sono arrivati i primi aggiornamenti, che non lasciano sperare nulla di buono.

Il ct colombiano, Carlos Queiroz, è stato pessimista sulle sue condizioni: “Duvan ha sentito dolore e abbiamo deciso di toglierlo subito. In partite non ufficiali non c’è nessuna possibilità di rischiare. Posso dirvi che Zapata ha avuto uno stiramento all’adduttore, ma non sappiamo ancora la gravità del suo infortunio per i tempi di recupero, bisogna aspettare gli esami. Purtroppo le sensazioni sono tutt’altro che positive…”. In questo caso sarebbe una brutta tegola per l’Atalanta.

Infortunio Zapata, brutta notizia per l’Atalanta

Non è ancora chiara la diagnosi dell’infortunio di Zapata. Gli ulteriori controlli, che verranno effettuati nelle prossime ore, stabiliranno entità e tempi di recupero dell’infortunio. L’attaccante orobico, con ogni probabilità, tornerà a Bergamo saltando il secondo impegno amichevole della Colombia previsto martedì 15 ottobre a Lilla contro l’Algeria, vincitrice della Coppa d’Africa.

L’Atalanta tornerà in campo sabato 19 ottobre nell’anticipo contro la Lazio all’Olimpico che precede il match della terza giornata dei gironi di Champions League contro il Manchester City, in trasferta, all’Etihad Stadium.

Leggi anche – Serie A: Inter, Juventus, Atalanta e Napoli, vince il gruppo. Ecco l’analisi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *