Juventus, Eni Aluko provoca: “Guardiola mai in finale di Champions senza Messi. Klopp ha vinto con Origi”

Aluko Guardiola

Pep Guardiola è stato sicuramente uno dei migliori tecnici dell’ultimo decennio, per alcuni anche della storia del calcio. Dall’addio al Barcellona però qualcosa è cambiato, soprattutto in Champions League dove non riesce più a vincere. L’ha fatto notare Eni Aluko, attaccante della Juventus Women e molto apprezzata in Inghilterra. La calciatrice nigeriana, naturalizzata britannica, ha giocato tanti anni nel Chelsea ma fa parlare di sé anche fuori dal campo. Da anni infatti gestisce una rubrica sul quotidiano “The Guardian”, dove affronta i temi più caldi del calcio inglese.

Questa settimana, in vista dell’attesa sfida tra Manchester City e Liverpool, si è concentrata sue due allenatori: Pep Guardiola e Jürgen Klopp. Il confronto, a livello di titoli, è impari ma le dinamiche sono diverse: “Guardiola, dopo il Barcellona, ha sempre fallito a livello europeo e sta rovinando la sua reputazione. Tra Spagna, Germania e Inghilterra ha vinto otto degli ultimi undici campionati, ma in Champions League non può considerarsi un grandissimo”. In effetti il tecnico catalano ha vinto due titoli con Messi e compagni, poi dal 2011 non è più arrivato neanche in finale.

Juventus, Aluko: “Guardiola non è un grandissimo”

Al contrario di Klopp che, secondo Aluko, può reggere il confronto e anzi è preferito con le squadre allenate: “Il tedesco ha vinto meno di Guardiola, ma ha portato il Mainz in Bundesliga, il Borussia in finale di Champions e ne ha giocate due di fila col Liverpool, vincendo l’ultima”.

La calciatrice della Juventus lancia un’ultima frecciata al tecnico del City: “Guardiola ha fatto il triplete nel 2009, ma anche Luis Enrique lo ha fatto nel 2015 e nessuno ne parla come uno dei migliori di sempre. Mourinho ha vinto la Champions con Porto e Inter, otto campionati in quattro paesi diversi e viene considerato un allenatore finito…”.

Leggi anche – Mourinho, un anno fa batteva la Juventus a Torino. Il gesto che face infuriare i bianconeri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *