Melissa Satta denuncia social: “A Firenze bimbo interista aggredito, vergogna”

Melissa Satta denuncia social: "A Firenze bimbo interista aggredito, vergogna"
Melissa Satta denuncia social: “A Firenze bimbo interista aggredito, vergogna”

Melissa Satta è la moglie di Kevin Prince Boateng, trequartista della Fiorentina. Ieri la showgirl era in tribuna allo stadio “Franchi” per seguire le gesta del compagno impegnato nella gara contro l’Inter. La Satta ha denunciato via social un grave episodio: un bimbo interista che esulta col papà e che viene ricoperto di insulti, fino a essere costretto a lasciare lo stadio scortato dagli steward.

Melissa Satta denuncia social: "A Firenze bimbo interista aggredito, vergogna"
Melissa Satta denuncia social: “A Firenze bimbo interista aggredito, vergogna”

Bimbo interista insultato a Firenze, la Satta denuncia sui social

Melissa Satta ha denunciato il brutto episodio con una “storia” su Instagram: “Lì in mezzo c’era seduto un bimbo di 10 anni con il suo papà, al secondo gol dell’Inter (che è statoannullato, ndr.) ha esultato insieme al suo papà e i due sono stati aggrediti verbalmente dai ‘tifosi’ della Fiorentina – ha scritto la Satta il papà e il bambino sono stati portati via da quel settore da alcuni responsabili della Fiorentina che devo dire si sono comportati benissimo e hanno cercato di tranquillizzare il bimbo, perché la situazione stava degenerando. Io mi chiedo: non vi vergognate a far piangere e spaventare un bimbo di 10 anni solo perché ha esultato per la sua squadra del cuore? Mi dispiace ma io non vi chiamo tifosi, i tifosi sono coloro che rispettano il tifo, io vi chiamo ignoranti!”. In una storia successiva Melissa Satta ci tiene a precisare: “Firenze è stupenda, la Fiorentina pure come tutti i fiorentini. Ma queste persone che hanno fatto questo sono da lasciare a casa e non bisogna permettergli di rovinare il nome del tifo Fiorentina”.

Leggi anche – Fiorentina-Inter voti Gazzetta: migliori e peggiori del match

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *