Mark Iuliano, ESCLUSIVA: “Su Cristiano Ronaldo sto con Sarri. Milan prendi Ibrahimovic”

Cristiano Ronaldo Juventus (Getty Images)

Ha indossato la maglia della Juventus dal 1996 al 2005. Nella sua bacheca, tra  gli altri trofei, 4 scudetti, 3 Supercoppe italiane, 1 Coppa Intercontinentale e 1 Supercoppa Uefa. In ESCLUSIVA a CalcioToday.it Mark Iuliano

L’ex difensore, in primis dice la sua sul lavoro di Sarri: “E’ una Juventus che continua a seguire la strada dei risultati. Del resto ha la rosa migliore, è la squadra da battere. Sul fronte del gioco: “Si vede a tratti il cambio rispetto ad Allegri, ci vuole tempo. Sarri non può ripetere quanto fatto a Napoli per le caratteristiche diverse dei calciatori”. Inevitabile per Iuliano parlare del tridente delle meraviglie Dybala, Ronaldo e Higuain: “Io lo schiererei, purché i tre giocatori stiano bene e lavorino anche in fase di non possesso. Infine sull’insistenza di Sarri nell’impiegare Cr7 anche quando non è al meglio: “Ronaldo sta ritrovando la condizione migliore, ma in ogni caso io lo metterei sempre in campo. E’ il più forte al mondo insieme a Messi. Tutti gli allenatori vorrebbero un giocatore come il portoghese e Sarri fa bene a schierarlo sempre“.

Leggi anche – Calciomercato Juventus, Pogba si allontana. Dall’Inghilterra la chiusura

Leggi anche – Calciomercato, Juventus e Genoa: Perin può tornare in rossoblu

Juventus e Milan, ESCLUSIVO Iuliano su De Ligt e Ibrahimovic

Zlatan Ibrahimovic (Getty Images)
Zlatan Ibrahimovic (Getty Images)

Iuliano era un centrale difensivo. Questo il suo giudizio su De Ligt: “A 20 anni ci sono pochi giocatori così forti, per me è un top player. Lo scorso anno è stato miglior difensore della Champions League, la Juventus non ha speso tanti soldi a caso. Ha impiegato un po’ di tempo per inserirsi anche perché s’è infortunato Chiellini e ha dovuto fare tutto di fretta”. L’ex giocatore nato a Cosenza, in bainconero ha giocato anche un anno insieme a  Ibrahimovic: “Se fossi il Milan lo prenderei subito, non me lo farei scappare. Lo svedese  sposta gli equilibri anche a 38 anni perché fisicamente è un <animale>, i difensori avversari sono sempre in apprensione quando c’è lui. Ibra è uno che vuole sempre vincere e trasmetet questo anche ai compagni”.

Q.G. 

Potrebbe interessarti anche – Supercoppa, Juventus-Lazio: Luis Alberto non fa stare tranquillo Inzaghi

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *