Serie B, Frosinone chiede di fermare il campionato. Il presidente Stirpe: “Rispetto per i tifosi”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:18
Serie B, il Frosinone chiede di sospendere il campionato
Serie B, il Frosinone chiede di sospendere il campionato

Il presidente del Frosinone, Maurizio Stirpe, ha inviato una lettera alla Lega di Serie B chiedendo la sospensione del campionato a causa dell’emergenza Coronavirus. L’epidemia ha travolto anche il mondo del calcio e le problematiche in merito allo svolgimento delle partite non coinvolgono solamente la Serie A.

All’interno della lettera, Stirpe ha scritto: “Gentile Presidente Balata, dopo aver valutato gli accadimenti delle ultime ore, richiedo la sospensione del nostro campionato per almeno per le prossime due giornate. La mia domanda arriva a causa della crescita imponente dei contagi da Covid-19 nelle ultime 48 ore”. 

Serie B, lettera del Frosinone per la sospensione del campionato

Il presidente Stirpe ha poi proseguito: “Serve rispetto per i nostri tifosi che hanno diritto a vivere l’evento sportivo nella sua pienezza e senza la mortificazione a cui abbiamo assistito nello scorso fine settimana. La decisione di giocare a porte chiuse costituisce un danno ai patrimoni dei tifosi stessi e non appare utile a salvaguardare la salute degli atleti, arbitri, assistenti di gara, dei dirigenti e di coloro che partecipano alla gestione dell’evento”.

Poi ha concluso: “Appare ingiustificato distrarre il Personale Sanitario o le Forze dell’Ordine dai loro compiti per dedicarli alla gestione di eventi a porte chiuse. Chiedo quindi di posticipare la giornata 29 e 30 al termine di questo campionato, ipotizzando un recupero per il 18 e il 23 maggio con conseguente slittamento dei playoff e playout di 10 giorni”. 

Nelle prossime ore potrebbe essere presa una decisione definitiva sul campionato cadetto,  come verrà fatto nella giornata di domani per la Serie A all’interno del Consiglio straordinario indetto dalla Figc.

Leggi anche -> Coronavirus, ESCLUSIVO Valentini: “Spatafora si nasconde dietro un alibi. Confido in Gravina per lo stop al calcio. Europei a rischio”