Coronavirus, le proposte della FIFA su contratti e prossima sessione di calciomercato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:12
Coronavirus, le proposte della FIFA su contratti e prossima sessione di calciomercato
Coronavirus, le proposte della FIFA su contratti e prossima sessione di calciomercato

Estendere i contratti di calciatori e allenatori fino al termine della stagione. Adattare di conseguenza le date della prossima sessione di mercato. Sarebbero queste le proposte contenute in un documento interno della FIFA presentato all’interno del Coronavirus Working Group, secondo quanto riferisce la Reuters.

Il documento, che la Reuters afferma di aver visionato, sarà discusso oggi. Nessuna decisione, però, è stata ancora presa dalla FIFA che il 18 marzo prometteva di prendere le necessarie misure per proteggere i contratti dei calciatori e le società alla luce della pandemia globale da coronavirus.

L’emergenza ha costretto a rinviare di un anno gli Europei e la Copa America, e a fermare i campionati senza una data sicura per la possibile ripresa della stagione (anche se in Bielorussia si continua a giocare). A questo proposito, secondo quanto riporta la Reuters, nel documento si legge che “in caso di accordo valido fino alla fine di una stagione, la scadenza va estesa se tale conclusione venisse posticipata”.

Coronavirus, le proposte della FIFA su contratti e prossima sessione di calciomercato
Coronavirus, le proposte della FIFA su contratti e prossima sessione di calciomercato

Il calciomercato e il calendario della prossima stagione

Allo stesso modo, dovranno essere adattate anche le date del calciomercato e della prossima stagione. “Se due stagioni e/o due periodi per la registrazione dei calciatori si sovrappongono, è prioritario che una squadra termini la precedente stagione con la rosa originaria in modo da salvaguardare l’integrità del campionato” si legge in un estratto del documento citato dalla Reuters.

Il documento invita anche a posticipare le operazioni si calciomercato e suggerisce ai calciatori e agli allenatori di ridursi lo stipendio durante la fase dell’emergenza. Una posizione a cui i calciatori del Barcellona si sono, però, dichiarati contrari.

Leggi anche – Autocertificazione Coronavirus: scarica il nuovo modulo per gli spostamenti, è la quarta versione