Bayern Monaco, Boateng rischia il carcere: le pesanti accuse dell’ex moglie

Jerome Boateng potrebbe finire in carcere per aver aggredito due anni fa l’ex moglie: il difensore del Bayern Monaco rischia fino a 5 anni di reclusione.

Boateng Carcere
Jerome Boateng (Getty Images)

Dal tetto del mondo alla paura di finire in carcere. In poche settimane il mondo di Boateng si è letteralmente capovolto a causa di brutta vicenda del passato. Come riporta la “Bild”, il difensore del Bayern Monaco era stato accusato di aggressione dall’ex moglie e il caso giudiziario è tutt’ora in corso. Negli ultimi giorni sarebbero spuntati dei filmati che incastrerebbero il fratello di Kevin-Prince, chiamato il prossimo 10 dicembre a difendersi in tribunale.

Ti potrebbe anche interessare – Douglas Costa al Bayern Monaco, ufficiale la cessione dalla Juve: la formula

Jerome Boateng e l’aggressione all’ex moglie: la possibile pena

Boateng Aggressione
Jerome Boateng (Getty Images)

Secondo il quotidiano tedesco, Boateng rischia fino a 5 anni di prigione e quindi la fine della propria carriera, arrivata all’apice l’anno scorso con la stagione perfetta dei bavaresi. Ora però nella testa del difensore tedesco ci sono ben altri pensieri e la paura di dover pagare a carissimo prezzo quell’episodio di due anni fa.

Il durissimo litigio con l’ex moglie Sherin Senler, poi sfociato in qualcosa di molto più grave, risale all’estate 2018 quando i due si trovavano in vacanze. Alcune indiscrezioni parlano di un lancio di un piccolo portacandele di vetro che colpì e ferì la donna. Un gesto sconsiderato che non può avere giustificazioni, ma alla fine potrebbe anche essere archiviato con una multa salta. I dubbi si scioglieranno tra pochi mesi quando arriverà la sentenza del giudice. Intanto il giocatore, ieri sera titolare nel primo turno di DFB Pokal, continuerà la stagione e intanto preparerà la sua difesa in vista dell’atteso appuntamento, stavolta non su un campo da calcio.

Leggi anche – Boateng al Monza, è ufficiale: formula e dettagli del trasferimento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *