Serie A, highlights Atalanta-Verona: gol e sintesi partita – VIDEO

Il Verona espugna il Gewiss Stadium. Atalanta sconfitta a Bergamo: decisivi un rigore di Veloso e l’opportunismo sotto porta di Zaccagni. La Dea cade in casa dopo l’impresa di Anfield in Champions League contro il Liverpool.

Nel posticipo serale del sabato, l’Atalanta incontra il Verona al Gewiss Stadium. I nerazzurri vogliono trovare tre punti anche in campionato dopo l’impresa di Anfield contro il Liverpool in Champions League, gli scaligeri si affidano a Di Carmine con Kalinic infortunato. Lovato al centro della difesa. La gara, dopo il minuto di silenzio in memoria di Diego Armando Maradona, vede subito la Dea aggressiva con Zapata che disturba la retroguardia avversaria, al 16′ qualche protesta in merito a un presunto fallo di Lovato sull’attaccante.

L’arbitro non ravvisa nulla, mentre al 18′ Ilicic spara alto al termine di un’azione corale: leggermente arretrato l’atalantino. Al 21′ Freuler scarica un destro di collo in corsa, palla al lato. Dieci minuti dopo, a preoccupare gli scaligeri è il ‘Papu’ Gomez: conclusione centrale, potente ma prevedibile. Attento Silvestri fra i pali. Toloi, al 36′, scambia bene con Zapata ma chiude bene Danzi in difesa  – subentrato a Lovato che ha sentito un riacutizzarsi del dolore all’adduttore che l’aveva infastidito nel recente passato – prima di qualsiasi pericolo. Ci prova nuovamente Zapata, stavolta lanciato bene in profondità da Ilicic, Silvestri anticipa il colombiano al 41′. Il primo tempo termina 0-0, le due squadre si pungono senza farsi male. Meglio la Dea sul piano del gioco, il Verona tiene botta.

Per vedere gli highlights di Atalanta-Verona – CLICCA QUI

Atalanta-Verona: i momenti salienti del match

Atalanta-Verona, highlights della sfida (Getty Images)
Atalanta-Verona, highlights della sfida (Getty Images)

Il secondo tempo comincia con la Dea intenzionata a sbloccare il risultato, la differenza però la fa una traversa di Veloso al 53′. Il numero 9 del Verona si libera bene della marcatura avversaria e conclude, la sfortuna gli nega la gioia del gol. Gli scaligeri si galvanizzano: al 57′ Di Carmine sfrutta un ottimo cross dalla sinistra, svetta di testa ma la palla termina di poco al lato. Gewiss Stadium teatro di un match vivo che può cambiare da un momento all’altro. Gli scaligeri danno una sferzata al confronto al minuto 60′, quando Toloi – sorpreso in difesa – atterra Zaccagni: secondo l’arbitro è calcio di rigore.

Posizione regolare dell’attaccante gialloblu, atterrato in chiara occasione da gol. Assegnato il penality che Veloso trasforma spiazzando Gollini. La sblocca il Verona 1-0. Atalanta sotto con il cronometro a sfavore. Gli ultimi venti di gara Gasperini prova a cambiare le carte in tavola: fuori Zapata e Ilicic, dentro Muriel e Lammers. Problemi anche per Gollini: dentro Sportiello. Al quarto d’ora finale il risultato non cambia, Favilli lascia partire un destro dal limite: palla alta. Scaligeri rinfrancati e più presenti sul piano dell’aggressività rispetto al primo tempo.

L’Atalanta, al 77′ sfrutta uno scarico errato sull’esterno, ne vien fuori un buon cross. Muriel prova di testa, la sfera sorvola la traversa ma termina fuori. Nel miglior momento della Dea, il Verona fa 2-0 con Zaccagni che capitalizza al meglio un contropiede battendo Sportiello con il piatto destro: pregevole anche il controllo di tacco in corsa. Gol da bomber consumato, l’Atalanta insegue in casa. 2-0 partita chiusa, i nerazzurri di Gasperini accusano la stanchezza dell’impresa di Anfield, sorride Juric, si esalta il Verona: tre punti d’oro per gli scaligeri.

Leggi anche – Benevento-Juventus, Pirlo: “Dobbiamo chiudere le partite, serve più personalità”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *