Lazio-Roma, Fonseca amareggiato: “Due gol regalati, la partita finisce lì”

Il commento di Paulo Fonseca dopo la durissima sconfitta della Roma che perde 3-0 il derby contro la Lazio in una partita a senso unico.

E’ una serata molto amara per la Roma che esce completamente a pezzi dal derby perso 3-0 contro la Lazio. I giallorossi cadono rovinosamente nella partita più sentita della stagione e subiscono un risultato pesantissimo. Un’altra sconfitta in uno scontro diretto che non è una novità in una stagione dai due volti e molto difficile da interpretare. Ora la squadra di Fonseca rischia il sorpasso al terzo posto e potrebbe abbandonare definitivamente i sogni scudetto. C’è ancora un girone intero davanti, ma la lezione subita stasera rischia di lasciare il segno. Non si abbatte però il tecnico portoghese che ammette tutte le colpe ma attende una reazione immediata dalla squadra: le sue dichiarazioni dopo il match in esclusiva a “Sky Sport”.

Ti potrebbe anche interessare – Lazio-Roma 3-0: doppietta Luis Alberto e Immobile, biancocelesti dominanti

Roma, Fonseca dopo la Lazio: “I nostri errori pagati a caro prezzo”

Fonseca Lazio Roma
Fonseca (Getty Images)

Sul risultato: “I primi minuti siamo entrati bene in campo, ma dopo se sbagliamo è difficile recuperare contro una squadra con la Lazio. non abbiamo mai avuto capacità per attaccare bene contro una difesa schierata”

Su Ibanez-Lazzari: “Stiamo parlando di questo perché Ibanez ha sbagliato sui due gol, ma erano situazione che non c’era pericolo. E’ vero che Lazzari ha fatto una buona partita e non l’abbiamo contrastato bene, ma la partita si chiude al primo tempo con due gol regalati.

Sul poco supporto di Spinazzola: “Il primo gol non è una situaizone che ibanez ha bisogno di aiuto e anche il secondo gol era una situazione controllabile. non penso che non l’abbiamo aiutato

Sulla reazione: “Non è mancato coraggio. Nella ripresa abbiamo provato a rischiare, poi la Lazio si chiude molto bene e non abbiamo trovato soluzioni. La squadra ha sempre avuto l’intenzione di attaccare c’era poco spazio e profondità anche per meriti loro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *