Coppa Italia, highlights Roma-Spezia: gol e sintesi partita – VIDEO

Roma-Spezia, gli ottavi di finale di Coppa Italia si decidono dopo i novanta minuti regolamentari. 2-2 il punteggio con Galabinov e Saponara che impensieriscono Fonseca. I giallorossi rispondono con Pellegrini e Mkhitaryan. Determinati i  supplementari con Verde che segna il gol dell’ex e Saponara che realizza la doppietta complessiva. Passa lo Spezia che affronterà il Napoli ai quarti.

La Roma cerca una scossa dopo la sconfitta nel Derby di campionato. Arriva la Coppa Italia all’Olimpico, gli ottavi di finale sono in gara secca: di fronte lo Spezia di Italiano. La vincente affronta il Napoli ai quarti, i padroni di casa si presentano con il classico 3-4-2-1 delle ultime uscite: a Borja Mayoral il fronte d’attacco, lo spagnolo sostituisce Edin Dzeko, supportato da Pedro e Mkhitaryan. Gli ospiti optano per un classico 4-3-3 con Agudelo, Galabinov e Saponara in avanti. La partita si mette subito in salita per la Roma, i giallorossi sembrano essere in bambola anche questa sera e subiscono gol nelle prime battute di gara: Maggiore viene toccato da Cristante in area di rigore. L’entrata del romanista è giudicata irregolare. Per l’arbitro non ci sono dubbi: è rigore. Al 6′ Galabinov trasforma dal dischetto, lo Spezia è in vantaggio all’Olimpico.

1-0 che dura relativamente poco perché al 15′ gli spezzini raddoppiano. Errore difensivo da parte dei giallorossi che tentano, malamente, di uscire palla al piede dall’area: può approfittarne Saponara che dal limite dell’area batte Pau Lopez nell’angolo alto. Rinvio sbagliato di Kumbulla pagato a caro prezzo dagli uomini di Fonseca. 2-0 in favore dello Spezia, per la Roma è notte fonda. I giallorossi provano a reagire dopo una prima mezz’ora da dimenticare, ma le folate di Spinazzola e Pellegrini non impensieriscono la difesa avversaria. I giallorossi riaprono la gara al 43′ grazie a un altro rigore assegnato dall’arbitro: Ismajli mette giù Pellegrini in area. Proprio l’ex Sassuolo trasforma il tiro dagli 11 metri. Roma trova il 2-1 prima dell’intervallo.

Per vedere in anteprima gli highlights di Roma-Spezia – CLICCA QUI

Roma-Spezia: i momenti salienti del match

Roma-Spezia sintesi (Getty Images)
Roma-Spezia sintesi (Getty Images)

Il secondo tempo dell’Olimpico inizia con la Roma costretta a inseguire lo Spezia in vantaggio di un gol. 2-1 il risultato dopo la prima frazione di gioco, Fonseca chiede una scossa ai suoi. A livello caratteriale, tuttavia, la squadra non sembra dare seguito al finale di primo tempo. Manca quello scossone in grado di fare la differenza, lo Spezia tiene botta e amministra bene il gioco: i giallorossi si rendono pericolosi con Mkhitaryan e Borja Mayoral senza riuscire a piazzare il colpo vincente nelle prime battute di secondo tempo.

Fase centrale della frazione in cui a rendersi pericoloso è sempre lo spagnolo che si divora un gol fatto davanti alla porta avversaria su assist di Pedro dalla destra: occasione non sfruttata dalla Roma al 67′. Gli ospiti si compattano dietro, Italiano cerca di tenersi stretto il vantaggio cercando di sfruttare il favore del tempo che passa. Piano che riesce fino al 72′ quando la Roma, pur essendo in difficoltà, trova il pareggio con una buona triangolazione fra Mkhitaryan e Borja Mayoral: lo spagnolo restituisce palla all’armeno che batte Krapikas con uno stop a seguire efficace tanto quanto il tiro. I giallorossi trovano il pari forse nel proprio momento più difficile.

Al quarto d’ora finale la squadra di Fonseca prova il forcing con Borja Mayoral nuovamente pericoloso sotto porta: la conclusione non impensierisce l’estremo difensore avversario. Gli ultimi dieci minuti di gara trascorrono in maniera relativamente spedita, ma il punteggio non cambia. Qualche rimpianto per i giallorossi che prima del triplice fischio hanno avuto l’opportunità del vantaggio sempre sui piedi di Borja Mayoral che sbaglia a tu per tu con Krapikas. Fonseca si gioca anche la carta Carles Perez, che prende il posto di Mkhitaryan, ma i supplementari sono inevitabili. 2-2 al termine dei 90 minuti regolamentari.

Nei supplementari Fonseca si gioca la carta Dzeko, fuori Borja Mayoral, la gara è in salita dopo le espulsioni di Pau Lopez per eccesso di foga e Mancini (doppia ammonizione a causa di un’entrata scomposta su Acampora). Fuzato va in porta, entrato al posto di Cristante. 9 contro 11 in questo extra-time. Giallorossi in difficoltà: due espulsioni in pochi istanti accendono ancor più la gara con la Roma che è costretta a ridisegnare i propri schemi. Spezia che cerca di approfittare degli spazi a disposizione. Il primo tempo supplementare non sposta gli equilibri: ancora 2-2 all’Olimpico. Nel secondo tempo supplementare Verde segna il gol dell’ex di testa su assist di Dell’Orco al 107′: è lui insieme a Saponara al ‘119 che decide il match. Per la Roma inizia male e termina peggio: 4-2 contro lo Spezia. Fonseca sempre più in bilico, Italiano compie l’impresa all’Olimpico. Ai quarti affronterà il Napoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *