Sepp Blatter, il presidente FIFA caduto in disgrazia sta male

C’è stato un lungo periodo in cui Sepp Blatter sembrava essere intoccabile e al di sopra di tutto, una volta rimosso è iniziato il declino

Lo scandalo di alcuni anni fa il quale Sepp Blatter, ex presidente della FIFA e in precedenza segretario e presidente della UEFA è stato rimosso dai suoi incarichi ha consegnato alla storia un uomo completamente diverso.

Chi è Sepp Blatter

Blatter il decisionista, l’arrogante, l’uomo convinto di essere al di sopra di tutto, leggi e persone. Poi dimesso, umiliato, malato. Lontano dai media che fino a qualche mese prima sfruttava e che contestualmente lo corteggiavano incessantemente con sontuosi contratti pubblicitari e arditi progetti di comunicazione sociale.

Blatter, per molti anni, è stato l’apice assoluto di un impero che sembrava intoccabile. Sotto di lui il delfino, Michel Platini, l’uomo che probabilmente sarebbe stato destinato a prenderne il posto ai vertici della FIFA se le cose non fossero andate come sono andate.

LEGGI ANCHE > Paul Gascoigne, il mito di Gazza rivive con Jack Grealish

Lo scandalo

Con lo scandalo legato alla vicenda dei voti comprati per il rinnovo del suo mandato presidenziale ma, soprattutto, per l’assegnazione delle ultime edizioni della Coppa del Mondo di calcio, Sepp Blatter è stato bollato come corrotto ed è stato costretto a dimettersi da tutte le cariche. Era il 2 giugno del 2015, l’ex presidente della FIFA, uno degli uomini più potenti del mondo, aveva 79 anni. Secondo il Los Angeles Times aveva sottratto non meno di 150 milioni di dollari nel corso dei suoi 24 anni di amministrazione al vertice del calcio europeo e mondiale segnando in modo decisivo, e a quanto pare scorretto, i Mondiali di Sudafrica, Russia e Qatar.

Oggi la realtà è completamente diversa: Blatter, 84 anni, è un uomo malato, vivo per miracolo. A novembre aveva contratto il Covid proprio mentre era in terapia e in attesa di una delicata operazione al cuore. L’indagine penale, che lo vede tuttora sotto inchiesta in Svizzera e in attesa di processo, per il momento è ferma.

LEGGI ANCHE > Mondiale Street Ball, l’edizione 2020 è on line: il freestyle estremo | VIDEO

Il processo può attendere

Accanto a lui la figlia Corinne Blatter Andenmatten: “Mio padre sta leggermente meglio ma le sue condizioni sono ancora critiche. Ha lasciato da poco la terapia intensiva dopo essere stato in coma farmacologico per oltre una settimana. Resta ricoverato, non ci sono alternative ma speriamo che possa uscire dall’ospedale quanto prima”.

Quanto all’ultima indagine intentata nei confronti di Blatter circa la gestione finanziaria del suo museo di Zurigo. Anche la FIFA ha richiesto danni materiali per alcuni milioni di euro. Corinne ha risposto quello che sta rispondendo da quattro anni a questa parte a qualsiasi domanda riguardi indagini e processi: “No comment”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *