Roma, Fonseca: “Non ho chiesto le scuse di Dzeko, il gruppo è più importante”

La Roma ha vinto 3-1 contro il Verona nel posticipo della 20.a giornata: il commento di Paulo Fonseca che affronta anche il caso Dzeko.

Fonseca Roma Verona
Fonseca Roma Verona

La Roma tiene il passo in campionato e supera anche l’esame Verona nel posticipo della 20.a giornata. Una vittoria per 3-1, la seconda di fila dopo quella con lo Spezia, che lancia i giallorossi al 4°posto solitario della classifica. Alle spalle ci sono Juventus e Napoli che devono recuperare lo scontro diretto, ma la posizione rimane molto favorevole. Nonostante il caso Dzeko, e la sua successiva esclusione, la squadra ha saputo farsi forza e rispondere con i risultati sul campo dopo un momento negativo.

La situazione ambientale rimane delicata come la posizione di Fonseca che è riuscito a evitare l’esonero ma deve ancora risolvere il rapporto con l’attaccante bosniaco. Di questo scottante tema e della partita di stasera ha parlato ai microfoni di “Sky Sport”: di seguito le sue parole.

Ti potrebbe anche interessare – Serie A, highlights Roma-Verona: gol e sintesi partita – Video

Roma, Fonseca: “Mai pensato all’esonero, possiamo fare a meno di Dzeko”

Roma Fonseca Dzeko
Paulo Fonseca (Getty Images)

Sull’esonero: “Devo mantenere sempre l’equilibrio, tutti allenatori devono avere sempre la valigia pronta. La nostra vita è così, ma io sono sempre stato tranquillo e concentrato sul lavoro”.

Sulla partita: “Nel primo tempo abbiamo fatto tre gol alla migliore difesa del nostro campionato, una squadra aggressiva e molto forte. Per giocare questa partita abbiamo dovuto cambiare le nostre intenzioni e siamo stati perfetti nella prima parte”.

Sugli ultimi risultati: “La cosa più importante è che dopo la sconfitta con lo Spezia abbiamo reagito con spirito di squadra. I ragazzi credono e lavarono insieme su questa direzione”.

Su Dzeko: “Più avanti avremo la possibilità di parlare. Ora pensiamo al presente e diamo merito ai giocatori che hanno vinto oggi. La squadra non dipende da un solo giocatore, abbiamo un’identità precisa e la nostra forza è il gruppo. Non è vero che ha chiesto le sue scuse, per me sono più importanti certi tipi di valori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *