Serie A, acceso litigio in assemblea: Preziosi arriva allo scontro fisico

Durante l’assemblea odierna della Lega Serie A c’è stato un forte litigio tra Preziosi e un altro dirigente del calcio italiano che sono arrivati a scontrarsi fisicamente.

Preziosi Lite Lega
Preziosi Lega Calcio

E’ un giorno importante, forse storico, per la Serie A che dovrà prendere una decisione sui diritti televisivi per il triennio 2021-24. Un tema molto caldo che si sta discutendo nell’assemblea convocata oggi a Milano, dove partecipa almeno un dirigente di ogni società. All’interno dell’Hotel Parigi, sede scelta per l’incontro, il clima è tutt’altro che disteso e come riportato da “Calciomercato.com”, ci sono stati momenti di grande tensione. In particolare durante la pausa pranzo, quando due esponenti del calcio italiano hanno avuto una forte discussione, sfociata addirittura in uno scontro a livello fisico.

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE —> Serie A, ore decisive per i diritti tv: spunta una nuova ipotesi

Serie A, diritti tv: duro faccia a faccia tra Preziosi e Campoccia 

Preziosi Campoccia Lega
Enrico Preziosi (Getty Images)

I protagonisti di questo brutto episodio sono Enrico Preziosi, presidente del Genoa, e Stefano Campoccia, vice presidente dell’Udinese. Il motivo del conflitto sarebbe stata la richiesta di chiarimenti sui fondi di investimento (argomento non in agenda) da parte del patron rossoblù. Da quel momento i toni si sono alzati e, oltre a gravi insulti, sono volati degli spintoni. Una scena deplorevole che ha indignato i presenti, costretti a separare con le maniere forti i due litiganti. Un duro faccia a faccia che, aldilà di chi aveva ragione, non può essere tollerato in un contesto del genere.

Alla fine dell’assemblea il presidente del Genoa, uscito dall’hotel, si è intrattenuto con i giornalisti presenti per spiegare meglio i contorni di questa vicenda: “Clima rovente? No è andato tutto bene, stiamo risolvendo il nodo dei diritti televisivi. Non c’è alcun problema con Campoccia, è un amico e un bravo ragazzo”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *