Atalanta-Real, Gasperini: “Restano forti anche con le assenze. Siamo sereni”

Atalanta-Real Madrid, le parole del tecnico dei bergamaschi Gian Piero Gasperini alla vigilia della sfida di Champions League contro il team di Zidane

Gasperini Atalanta Real Madrid conferenza
Gasperini Atalanta Real Madrid conferenza

Conferenza prepartita per l’allenatore della ‘Dea‘, Gian Piero Gasperini. Domani sera la sua squadra scenderà in campo per l’andata degli ottavi di finale della Champions League. Si giocherà in casa, al ‘Gewiss Stadium‘. Gli avversari non sono dei più facili: a Bergamo arriva il Real Madrid di Zinedine Zidane.

Quest’ultimo deve fare a meno di parecchi uomini importanti out per infortunio (tanto per citarne qualcuno Dani Carvajal, Sergio Ramos e Karim Benzema). Il francese ha dovuto chiamare, addirittura, sei ragazzi che militano nel ‘Castilla‘ (la squadra ‘B’ degli spagnoli). Nerazzurri, invece, che dovranno fare a meno solamente di Hateboer (anche lui ko).

Queste le parole di Gasperini in sala stampa: “Si gioca in due partite. Non possiamo dire che il risultato ideale è quello di vincere. Dobbiamo stare molto attenti. Saranno più attenti nonostante le assenze. Saranno concentrati e sarà difficile. Dobbiamo leggere la gara nel modo migliore. Sono giocatori che non abbiamo mai incontrato, vedremo quello che si potrà fare”.

Sulla differenza e sulla distanza con il Real Madrid: “E’ una delle più forti al mondo. Questo tipo di partite siamo usciti più positivi. Con qualità in più. Affrontando questi avversari siamo andati bene in campionato”.

Se quella di domani è una delle più importanti gare della stagione: “E’ la più importante per il prestigio della squadra che incontriamo. Senza dimentica il City e Liverpool. I valori sono quelli dei migliori team al mondo. A qualcuno abbiamo dovuto misurarci. Non dimentichiamoci che l’approccio con la Dinamo Zagabria è stata negativo. Però ci hanno aiutato nelle competizioni internazionali e  in campionato. Dobbiamo continuare a migliorarci”.

Stravolgimento delle caratteristiche nel match di domani: “Non possiamo snaturare quelle che sono le nostre caratteristiche che ci hanno permesso di arrivare dove siamo. Però è chiaro quando giochi contro squadre di questo livello gli accorgimenti ci devono essere tutti“.

Leggi anche >>> Atalanta-Real Madrid, tegola per Zidane: un big salta il match. L’annuncio

Atalanta-Real Madrid, Gasperini: “Non abbiamo l’obbligo di passare

Gasperini Atalanta Real Madrid conferenza
Gasperini Atalanta Real Madrid conferenza

Su come affronteranno la gara col Real, Gasp ha annunciato: “Noi siamo liberi e sereni, nel senso che non abbiamo il favore del pronostico. Non abbiamo l’obbligo di andare avanti. Vogliamo cercare di misurarci con loro, anche per capire quale è la nostra reale consistenza. Dobbiamo fare il il massimo delle nostre possibilità”.

Aspettative cresciute?: “Dobbiamo mantenere la nostra identità. Avere ambizione non vuol dire avere presunzione. In quest’anno c’è stato e non dobbiamo più farlo. Dover mettere pressione addosso è un grosso errore che è stato pagato qualche volta. Dobbiamo goderci questa partita e giocarla nel modo migliore, sapendo che non possiamo essere considerati al top delle squadre come qualcuno vorrebbe farci apparire”.

Il Real Madrid di questa stagione, in Champions, è debole?: “Mai pensato questo. Il Real in Champions diventa una squadra che si trasforma rispetto alla Liga. Quella a Milano contro l’Inter è stata di qualità e di personalità, come è giusto che sia. Non credo alle loro assenze, possono togliere del talento però il Real in queste ultime domeniche è stata una squadra più umile. Quest’ultima è una qualità. E’ risalita in classifica in un momento di difficoltà. Penso che domani sarà un incontro difficile e da interpretare nel modo giusto, con fiducia ma mai con presunzione“.

Su Zidane: “ Sarei molto preoccupato se dovesse giocare lui. Fortuna che sta in panchina (ride). Quello che ha fatto lui in campo l’ho visto fare in pochi calciatori. Quando ero alla Juve lo notavo, le sue capacità erano straordinarie. Ha il DNA nel calcio e lo ha confermato anche come allenatore vincendo competizioni importanti”.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *