Serbia-Portogallo, parla l’arbitro del gol fantasma: la rivelazione

Cristiano Ronaldo gol fantasma, l’arbitro di Serbia-Portogallo ha riferito durante un’intervista di essersi scusato con l’allenatore dei lusitani

Cristiano Ronaldo gol fantasma
Cristiano Ronaldo gol fantasma, le dichiarazioni dell’arbitro dopo il match tra Serbia e Portogallo

Il gol non convalidato a Cristiano Ronaldo durante il match, valido per le qualificazioni ai mondiali del 2022, tra Serbia e Portogallo ha provocato un grosso polverone e dibattiti.

Nel dettaglio, l’opinione pubblica chiede a gran voce come sia possibile che nei match delle qualificazioni per la manifestazione più importante al mondo non sia presente quantomeno la goal line technology.

Lo stesso Cr7 aveva manifestato la sua indignazione subito dopo la gara tramite i social network. “Essere capitano del Portogallo è un orgoglio e uno dei più grandi privilegi della mia vita” ha scritto il portoghese sul suo profilo Instagram. “Ho dato e darò sempre il massimo per il mio Paese. Ma ci sono momenti difficili da gestire, soprattutto quando senti che è un’intera nazione ad essere danneggiata. Alziamo la testa e affrontiamo la prossima sfida. Forza Portogallo!”.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Cristiano Ronaldo (@cristiano)

Leggi anche->Juventus, Buffon sorprende: la scelta spiazza i tifosi bianconeri

Cristiano Ronaldo gol fantasma, l’arbitro del match ha riferito di essersi scusato con l’allenatore dei portoghesi

Cristiano Ronaldo gol fantasma
Cristiano Ronaldo gol fantasma, l’arbitro del match, Danny Makkelie, ha riferito di essersi scusato con il ct dei lusitani

Intervenuto ai microfoni di “A Bola” Danny Makkelie, arbitro del match tra Serbia e Portogallo, ha riferito di essersi scusato con il ct dei portoghesi Fernando Santos. Ecco, nel dettaglio, le sue parole: “Secondo la politica FIFA, tutto quello che posso dire è che mi sono scusato con l’allenatore della nazionale, Fernando Santos, e la squadra portoghese per l’accaduto. Come squadra arbitrale, lavoriamo sempre duramente per prendere buone decisioni. Quando riceviamo notizie in questo modo, non ci soddisfa affatto”.