Inter, Fredy Guarin rompe il silenzio dopo la rissa in famiglia. Il comunicato

Fredy Guarin l’ex Inter ha parlato del bruttissimo episodio di qualche giorno fa, spiegando la sua posizione e situazione emotiva con un comunicato ufficiale diffuso sui social.

Fredy Guarin Inter
Fredy Guarin Inter

Dopo qualche giorno, Guarin ha rotto il silenzio e parlato del brutto episodio in cui è stato coinvolto giovedì scorso. L’ex centrocampista dell’Inter, attraverso un comunicato ufficiale diffuso sui propri social, ha chiarito la sua posizione sull’atto di violenza a casa dei suoi genitori.

Le immagini del colombiano senza maglietta e insanguinato, mentre veniva portato via a forza dai poliziotti avevano creato grande scandalo. In serata è arrivata la sua versione dei fatti che chiarisce un po’ i contorni di questa discussa vicenda. Nella prima parte del messaggio ha ringraziato famiglia, amici, compagni e società per l’appoggio e la solidarietà dimostrata nei suoi confronti.

Leggi anche -> Guarín shock, l’ex Inter arrestato in Colombia: le accuse pesantissime| VIDEO

Fredy Guarin, chiede rispetto: “Lasciate in pace i miei figli”

Fredy Guarin Inter
Fredy Guarin Inter

Poi è entrato nel merito dell’accaduto, negando qualsiasi coinvolgimento della sua famiglia in questa situazione unicamente personale. Guarin ha smentito e preso le distanze dalle numerose indiscrezioni circolate sulla stampa e sui social che mettono in mezzo anche i suoi figli. Il classe ’86 ha chiesto un po’ di rispetto per loro, finiti sotto esposizione mediatica e il critico giudizio dell’opinione pubblica.

Alla fine del comunicato l’attuale centrocampista dei Millionarios ha chiuso con un messaggio di speranza: “Vincerò anche questa partita difficile della mia vita. Sono sicuro che ce la farò con l’aiuto di Dio e di tutti quelli che mi sostengono. Sono felice dal profondo del mio cuore dei tanti messaggi positivi che mi rafforzano. Ho sempre lavorato onestamente e continuerò su questa strada”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Fredy Guarin (@fguarin13)