SuperLega, Ceferin torna all’attacco: minacce a Juve, Milan, Real e Barça

Il capitolo Super League non è ancora concluso e torna a parlare Ceferin. Il presidente della UEFA è entrato a gamba tesa sui 4 club che ancora non si sono ritirati dalla competizione

Super League Ceferin attacco
Super League Ceferin attacco

Il caos Superlega non sembra ancora vedere una fine. Dopo il ritiro della maggior parte dei club, inglesi in primis, ad oggi rimangono ancora squadre. Juventus, Milan, Real Madrid e Barcellona non si sono ancora ritirati dalla competizione ed ora la UEFA sta pensando a cosa fare.

Sono stati diversi gli attacchi e le minacce da parte di Ceferin, in particolare contro il presidente bianconero Andrea Agnelli. Pochi minuti fa il numero uno della UEFA ha annunciato possibili sanzioni per le squadre dissidenti: “Scelgano o la Super League o la Champions League”.

Leggi anche – “La SuperLega è come la Fiat Duna”. Nuovo attacco ad Agnelli

Ceferin contro la Super League: “Chi è dentro salta la Champions”

Ceferin Super League minacce
Ceferin Super League minacce

Torna a parlare Ceferin della Super League e lo fa senza mezzi termini. Nel mirino del presidente della UEFA ci sono i club scissionisti, che al momento sono le due italiane e le due spagnole. Raggiunto dai microfoni di apnews.com, ha dichiarato: “Questi club devono decidere da che parte stare. Se dicono di far parte della Super League, allora non parteciperanno alla Champions. Questo è chiaro”.

Ceferin sta pensando anche a possibili sanzioni: “Stiamo aspettando la perizia legale, poi vedremo il da farsi. Ognuno comunque è responsabile delle proprie azioni. Per me la situazione tra questi 4 club e gli altri che si sono ritirati è ben diversa: c’è chi ha dichiarato di aver commesso un errore e chi no”.

Sulle competizioni UEFA è stato molto chiaro: “Saranno fantastiche anche senza Real Madrid, Barcellona, Juventus e Milan. Qualcuno vuole essere egoiste e riformare la Super League: hanno fallito la prima volta, sarà così anche la seconda. Ci metteremo comunque in contatto con le federazioni calcistiche, federazioni nazionali e leghe interessate per capire cosa può fare ognuno di noi. Lo faremo la prossima settimana”.