Morte Seid, Marchisio si sfoga sui social: la denuncia dell’ex Juventus

La morte del giovane Seid ha sconvolto Claudio Marchisio: il messaggio di sfogo postato sui social network che invita a riflettere.

Marchisio Seid
Claudio Marchisio, ex centrocampista della Juventus (Getty Images)

La tragica morte di Seid Visin ha colpito il mondo del calcio e l’intero paese. L’ex giocatore delle giovanili del Milan si è suicidato all’età di 20 anni per i trattamenti ricevuti a causa del colore della sua pelle. Un suicidio per ripetuti atti di razzismo che ha toccato anche Claudio Marchisio, molto vicino anche ai temi sociali dopo il ritiro dal calcio.

L’ex centrocampista della Juventus non è rimasto in silenzio e, ricordando il giovane ragazzo, ha invitato a riflettere il popolo italiano. Cercando si sfruttare al meglio la potenza dei social, ha pubblicato un messaggio di sfogo attraverso il proprio profilo Facebook. Un pensiero che elenca le brutte abitudini del nostro paese e invita a riflettere tutti quanti.

Leggi anche -> Tragedia Seid Visin, suicida per razzismo: la straziante lettera d’addio

Morte Seid, Marchisio attacca: “Il nostro paese ha fallito”

Marchisio Seid
Marchisio Juventus (Getty Images)

Non è la prima volta che Marchisio prende posizione su questo genere di tematiche. Era già accaduto in passato che si fosse schierato a favore dell’accoglienza dei migranti, criticando i pareri contrari. La morte di Seid è stata purtroppo l’occasione per ribadire questi concetti e criticare le cattive abitudini del nostro paese.

Al centro della sua denuncia c’è la parola “integrazione” che spesso viene utilizzata in modo incoerente e sbagliata. L’ex Juventus, attraverso esempi significativi e molto chiari, non risparmia pesanti accuse senza fare riferimenti precisi: “Un paese che spinge un giovane ragazzo a fare un gesto così estremo è un Paese che ha fallito. Pensateci bene prima di fare battute e discorsi stupidi sui gommoni e il colore della pelle, soprattutto sui social. Facciamo tutti schifo: di centro, di destra e di sinistra”.