La gang dei calciatori: sotto processo i rapinatori della Premier League

Quella delle rapine negli appartamenti dei calciatori sta diventando un’autentica costante, ma una banda di rapinatori nel frattempo è stata sgominata

A distanza di pochi giorni dalle efferate rapine avvenute a Manchester, l’Inghilterra segue con moltissima attenzione il processo a carico di una spietata banda di rapinatori.

Gang Calciatori
Il tribuinale di Nottingham dove è sotto processo la Gang dei Calciatori (Foto ANSA)

La chiamano “VIP gang”, perché il loro obiettivo erano soprattutto i calciatori. Ma non solo. Anche attori, giornalisti, cantanti. Organizzati, veloci e soprattutto ferocissimi.

La gang dei calciatori

Sono sotto processo a Nottingham con l’accusa di avere organizzato alcuni dei colpi più pesanti e violenti degli ultimi anni. Scotland Yard ne ha acciuffati quattro, anche se la banda vera e propria sarebbe composta da almeno una dozzina di persone che si alternano tra un colpo e l’altro. Scambiandosi informazioni, agendo a volte in società e altre facendo da basisti per altri professionisti del crimine.

La persona chiave a processo è il 34enne Kurtis Dilks, un curriculum discretamente lungo a giudicare dalla sua fedina penale.

Feroci e organizzati

Secondo le accuse Dilks che a oggi si è sempre dichiarato non colpevole, avrebbe fatto irruzione nella villa di Ashley Cole e della sua compagna nel 2020. Ed è sarebbe sempre stato lui a uscire dall’attico dell’ex centrocampista degli Spurs Tom Huddlestone con un gioiello di diamanti del valore di oltre 4 milioni di euro. Dilks, che non ha mai collaborato con gli inquirenti e che è stato arrestato lo scorso anno dopo un lungo lavoro investigativo insieme ad altri complici, non ha mai ammesso alcuna responsabilità.

Nel gennaio 2020 sarebbe entrato nella casa dell’ex difensore della nazionale inglese, legandolo e immobilizzandolo per poi terrorizzare sua moglie Sharon mentre i due figli dormivano al primo piano. Armato di una mazza da baseball avrebbe portato via gioielli, orologi, soldi, telefoni cellulari e un’auto sportiva. Quando Sharon Canu si è rifiutata di togliersi l’anello di fidanzamento, Dilks non avrebbe fatto una piega: “Vorrà dire che ti strapperò il dito con un coltello – ha minacciato il malvivente, che è stato riconosciuto dalla coppia –tuo marito invece potrei azzopparlo. Così non cammina più”.

Pogba Juventus
Pogba, vittima di una rapina mentre i figli dormivano in casa  (Ansa)

Gioielli milionari

Il colpo in casa di Huddlestone aveva lo scopo di portare via dalla cassaforte la Portland Tiara, un gioiello indossato da Edoardo VII durante la sua incoronazione: quattro milioni di euro di valore.

Huddleston era in campo il Derby County. La gang, sei persone, ha fatto irruzione nell’appartamento portando via oltre alla tiara, poi recuperata ma danneggiata dopo il furto, mezzo milione di sterline in gioielli, soldi e orologi. Dopo pochi giorni i gioielli erano sul mercato nero. Pronti per l’espatrio. Solo parte della refurtiva è stata recuperata.

Colpi che tra il 2018 e il 2021 hanno fatto epoca. E che hanno creato degli emulatori. Secondo Scotland Yard ci sarebbero almeno altre due gang in piena attività. Dallo scorso anno a oggi si registrano non meno di una trentina di assalti ad appartamenti di VIP. In particolare calciatori. L’ultimo dei quali è stato Paul Pogba, la cui casa è stata rapinata mentre i due figli dormivano…