Home Calciomercato Milan è caos senza Origi e Rebic: Maldini tenta il colpo a...

Milan è caos senza Origi e Rebic: Maldini tenta il colpo a sorpresa

Complici le prolungate assenze di Origi e Rebic, il Milan è in piena emergenza in attacco, ragion per cui Maldini tenta il colpo a sorpresa

Tour de force per il Milan che domani affronterà a San Siro la Dinamo Zagabria come gustoso antipasto del big match, sempre al “Meazza”, con il Napoli con cui condivide la vetta della classifica della Serie A insieme anche all‘Atalanta.

Maldini Milan
Paolo Maldini, dirigente del Milan (LaPresse)

Luci a San Siro, dunque, ma i rossoneri si presenteranno al doppio appuntamento incerottati viste le prolungate assenze, causa infortuni, di Origi e Rebic che per di più, complice la concomitante squalifica di Leao in campionato, costringeranno il tecnico Pioli a varare un nuovo modulo in vista del confronto con la compagine allenata da Spalletti.

Ancora una volta a reggere il peso dell’attacco milanista sarà lo “stakanovista” Olivier Giroud che finora non ha fatto mancare il suo contributo alla causa rossonera timbrando il cartellino dei marcatori già per tre volte.

Caos Milan, Maldini ha messo nel mirino un under 25

Maldini Milan
Paolo Maldini, nuova mossa per il Milan (LaPresse)
Al momento è molto difficile ipotizzare i tempi recupero dai loro rispettivi infortuni per Rebic e Origi: l’attaccante croato confida nella terapia conservativa cui si sta sottoponendo per evitare l’intervento chirurgico all’ernia mentre il collega di reparto belga nei prossimi giorni volerà in Belgio per un consulto con i medici della sua Nazionale al fine di individuare una soluzione definitiva al problema al tendine che lo sta tenendo al palo in questo avvio di stagione.
Ecco perché Maldini e Massara, gli uomini mercato del club rossonero, corrono ai ripari provando ad anticipare di sei mesi il colpo in attacco in agenda per la prossima sessione estiva di calciomercato. 
Nel loro mirino un attaccante under 25 che possa ricoprire il ruolo sia di terminale centrale che quello di esterno nel tridente d’attacco: insomma, un profilo in linea con la linea “verde” del club meneghino.