Supercoppa Europea, Liverpool-Chelsea, Lampard: “Vincere disperatamente”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:10

Liverpool-Chelsea è già tempo di verdetti che contano. Non solo perché il derby inglese in terra turca deciderà la finalissima di Supercoppa Europea, ma sopratutto per i Blues, alla disperata ricerca di una vittoria che dia morale a tutto il gruppo dopo il pesante ko di inizio stagione alla prima di Premier League contro il Manchester United, lo scorso fine settimana.  Il Liverpool arriva invece dalla vittoria sul Norwich e con una condizione psicologica differente. Nonostante questo Klopp ha comunque fatto capire ai suoi che non ha intenzione di cedere centimetri. 

Lampard ai suoi: “Abbiamo bisogno di vincere disperatamente”

Fa un certo effetto sentirlo dire con la convinzione che in un modo o nell’altro, che sia vittoria o sconfitta, il destino dei Blues potrebbe già dare indicazioni importanti. Perché i 4 gol presi in avvio di Campionato contro i Red Devils pesano ancora a livello psicologico ecco perch Frank Lampard è stato così diretto in conferenza stampa alla vigilia del match. “E’ un trofeo che il club vuole vincere ad ogni costo. Per molti di noi sarebbe la prima volta di una Coppa così importante. Dobbiamo essere pronti a tutto, vogliamo vincere disperatamente”.

L’indicazione tracciata da Lampard è chiara scuotere l’ambiente e chiamare i suoi ad una responsabilità di alto livello come compete ad un club prestigioso come il Chelsea. In estate i Blues hanno praticamente rifondato, dalla panchina dove è arrivato il pupillo di casa, dopo l’esperienza al Derby County, prendendo il posto del mai gradito Sari, molti i volti nuovi e giovani in campo. Proprio per questo l’allenatore inglese ha utilizzato parole forti con i suoi giocatori, perché la consapevolezza nei propri mezzi, la fame di vincere passa proprio da finali come queste. “In partite come queste servono fame e preparazione. Ognuno di noi deve avere la consapevolezza dell’importanza di partite come queste. Le finali si possono vincere e perdere, ma bisogna avere la fame di vittoria. Dobbiamo dare tutto” ha concluso l’allenatore.