Napoli-Sampdoria, Ancelotti: “Concreti senza subire gol. Llorente bene. Mertens rinnovo subito”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:10

Il Napoli ottiene altri tre punti contro la Sampdoria, i primi in casa, davanti al suo pubblico in un San Paolo completamente rinnovato. Gli uomini di Ancelotti si sono imposti per due reti a zero contro la squadra di Eusebio Di Francesco: decisivo Dries Mertens, che fa una doppietta. Ora testa ai prossimi impegni con maggiori consapevolezze, buon esordio anche per Llorente. Il tecnico partenopeo commenta così il match:

Secondo lei, dietro vi prendete qualche rischio di troppo?

“Oggi intanto non abbiamo preso gol e tiriamo un sospiro di sollievo. Abbiamo perso qualche palla in uscita, a volte la forziamo troppo. Questa è una caratteristica che vogliamo avere. Nessuno sarebbe contento se buttassimo la palla alta in avanti, neanche i tifosi. Ma è chiaro che vadano limitati questi errori”.

Abbiamo visto spesso scambiarsi Fabian e Zielinski: ci spiega le scelte a centrocampo?

“Possono giocare in tutte le posizioni. Fabian può giocare a sinistra come oggi, così come Elmas. Oggi ho preferito mettere Fabian dentro per avere più fraseggio corto e palleggio. Zielinski in quella posizione lì è bravo a cambiare gioco e mettere palloni lunghi. Quindi dipende anche dagli avversari e da cosa vogliamo fare”.

Napoli-Sampdoria, Ancelotti: “Llorente giocatore completo, Mertens? Sbrighiamoci col rinnovo”

Napoli Samp, decisivo Mertens
L’esultanza di Mertens e Llorente (Getty Images)

Non prendeva un giallo da Parma-Torino di quando era ancora calciatore…

“Sì, avevo fatto anche autorete, di chiappa. Quando ero al Parma, in panchina, ero stato anche espulso”.

Qualche parola su Llorente…

“Llorente è un giocatore completo. Tutti lo confondono per questa sua statura, ma Llorente è un giocatore di calcio. Gioca bene con la palla dei piedi, si appoggia bene. E’ un terminale offensivo, non solo per i cross. Davanti ho tante soluzioni, la rosa è molto varia”.

Come sono arrivate le scelte di formazione per la gara?

“Non la prepariamo tanto prima, per quel che riguarda le rotazioni. Durante la settimana pensiamo a qualche cambio, magari su chi è meno in condizione e più affaticato. Poi durante la partita è complicato perché sono tutti calciatori di livello. I tre che sono entrati stasera hanno fatto un calcio di qualità nel tempo in campo. Questo è importante per l’atteggiamento della squadra”.

Mertens: arriva prima il figlio o il rinnovo?

“Se deve aspettare nove mesi il figlio ci dobbiamo sbrigare un po’ prima che tra nove mesi il contratto sarà già scaduto”.

Leggi anche –> “Atletico Madrid distratto dalla Juventus. Ko contro la Real Sociedad”