Milan, bilancio in rosso. Bellinazzo: “Decisivo il progetto stadio e il ritorno in Champions”

Marco Bellinazzo

I tifosi del Milan, oltre ai problemi sul campo, hanno ricevuto una pessima notizia a livello societario. Il primo bilancio di Elliott infatti è in rosso di 145,9 milioni di euro, un record negativo della storia rossonera, superiore anche alla gestione cinese (-20 milioni). Una situazione delicata che potrebbe portare a cessioni dolorose, diventate quasi una priorità.

Tutto però è recuperabile e c’è ancora qualche speranza, come spiegato dall’esperto Marco Bellinazzo a Sky Sport. Secondo il giornalista del Sole 24 Ore, la condizione del Milan non è così drammatica: “La preoccupazione ci deve essere, però va considerato che il Milan sta cercando di ricostruire una rosa importante. Gli obblighi, per tornare a essere grande, sono il ritorno in Champions e un nuovo stadio, che diventa centrale per le politiche di Elliott e l’eventuale cessione futura”.

Milan, Bellinazzo: “Bisogna fare plusvalenze e abbassare gli ingaggi”

Il Milan deve cambiare strategia anche sul mercato, come analizzato da Bellinazzo: “Questo bilancio è frutto di una serie di investimenti effettuati sul calciomercato (150 milioni), ma anche di una situazione difficile a livello di ricavi, rimasti stabili. A questo punto la società è costretta a fare plusvalenze e abbassare il monte ingaggio, rimanendo competitiva. Non è impossibile, l’esempio più lampante è l’Atalanta che, con 50 milioni d’ingaggi, ha raggiunto la Champions”.

In ogni caso, anche se il Milan andrebbe in Europa, si ripresenterà lo stesso problema di quest’estate: “Questo crea problemi anche nell’ottica del Financial Fair Play. Qualora il Milan dovesse tornare in Europa, potrebbe andare incontro a nuove sanzioni e per questo motivo c’è una voce nel bilancio in cui viene specificato che è stata accantonata una somma (circa 20 milioni) per una possibile multa”.

Leggi anche – Milan, possibili plusvalenze: giocatori richiesti e costi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *