Juventus-Lokomotiv Mosca, Sarri: “Higuain e Dyabala alla pari, Ramsey non ci sarà”

Sarri Juventus

La Juventus, dopo la sofferta vittoria col Bologna, domani sera torna in campo e affronta la Lokomotiv Mosca in Champions League. Alla viglia della partita di Torino, ha parlato Maurizio Sarri in conferenza stampa.

Ecco le parole del tecnico bianconero, che non sottovaluta l’avversario: “La Lokomotiv sta facendo un’ottima stagione, soprattutto in campionato e in trasferta. E’ una squadra più forte di quanto tutti si aspettavano. A Leverkusen si è chiusa bene, con un’ottima fase difensiva e ripartendo in velocità quando rubavano palla. Sono pericolosi nel ribaltare le azioni, serve rispetto e grande calma perché non sarà semplice”.

Juventus, Sarri: “Un orgoglio allenare Ronaldo, Rabiot sta crescendo”

Sul ballottaggio Higuain-Dybala: “Entrambi sono in buona condizione, anche con un sorteggio le possibilità di sbagliare sono limitate. Devo ancora scegliere, lo dirò prima ai giocatori, ma partono alla pari e in ogni caso sono sereno”.

Sulle condizioni di Ramsey: “Domani non ci sarà. Non ha lesioni muscolari, sotto sforzo sente questo affaticamento all’adduttore e giocando può essere un rischio. Sta lavorando per risolvere questo fastidio. Danilo invece è recuperato, forse non ha ancora i 90 minuti nelle gambe, ma sta bene dal punto di vista fisico”.

Su Ronaldo: “Allenare Ronaldo è un motivo d’orgoglio. Ha una mentalità straordinaria, continua a porre obiettivi alla squadra e individuali. Dopo aver segnato il 700°gol, stavo già pensando all’800. Per noi è positivo averlo in squadra, ci alza le motivazioni”.

Su Rabiot: “Giocare con continuità aiuta, ma nelle grandi squadra è molto difficile. L’aspetto più positivo è che, dopo un mese senza giocare, è tornato dentro e l’ho visto migliorato. Gli allenamenti, durante la pausa nazionale, gli sono serviti perchè ha fatto un lavoro specifico sulla tattica. E’ in grande crescita, lo stiamo aspettando”.

Sulla coppia Bonucci-De Ligt: “E’ un discorso di caratteristiche e non di gerarchie. In questo momento, per affinare l’intesa generale, abbiamo privilegiato gli stessi giocatori. Demiral è più simile a Chiellini mentre Rugani è più simile a Bonucci. In un futuro prossimo spero di cambiare anche due difensori a partita”

Leggi anche – Juventus, Cristiano Ronaldo: “Mi piace il gioco di Sarri, più fiducia rispetto all’anno scorso”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *