Conte, non solo Inter: in Arabia Saudita per una lezione sul calcio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:27
Conte lezione sul calcio in Arabia
Conte, lezione sul calcio in Arabia Saudita

Tempo di Nazionale, i convocati raggiungono le compagini del proprio Paese per rispettare gli impegni Europei mentre gli allenatori di Serie A potrebbero riposare qualche giorno in attesa della ripresa degli allenamenti. Per Conte non esiste condizionale, così come non esiste riposo: l’allenatore salentino, attualmente in forza all’Inter, vive di calcio e non essendo per lui solo un dovere, approfitta di questo stop obbligato per mettere a servizio di qualcun altro la propria professionalità.

Conte a tutto campo: durante la sosta vola in Arabia Saudita per una lezione calcistica

Hanno potuto usufruire dei consigli dell’ex bianconero, infatti, gli arabi del Leadership Development Institute dove si sviluppa ed accresce il livello accademico e l’esperienza delle federazioni di calcio sul territorio saudita. In contemporanea si stava tenendo il meeting fra i migliori colleghi selezionati dalla UEFA, dove non era presente. A Dammam, Conte ha fatto valere la sua esperienza vincente con Juventus e Chelsea, in cui nel giro di pochi anni ha vinto tutto quel che si poteva riportando i rispettivi club ad un lustro invidiabile. Non solo trionfi, però, anche tanta gavetta in Serie B con Arezzo, Siena e Bari. Senza contare la breve parentesi con l’Atalanta nel massimo campionato del 2009-2010.

Proprio questa sua esperienza è stata determinante per farsi valere nelle vesti di docente e relatore, il bagaglio di concetti da restituire è vasto: bisogna precisare che certi dettami, quelli del modus Conte, trovano riscontro solo se alla base di ogni carattere c’è una forte componente di adrenalina e competitività. Due qualità che il salentino ha da sempre, quasi come fossero un tratto originale, per questo non sempre è facile restituirle agli altri. Intanto dall’Arabia Saudita ringraziano, perchè il calcio – come passione che muove il mondo e lo talvolta lo unifica – non si ferma mai. Nemmeno durante la sosta obbligata.

Leggi anche –> Inter, Conte: “Nessuno sfogo. I dirigenti sono i primi a riconoscere gli errori”