Inter, Conte: minacce e busta con proiettile ma la moglie smentisce: “Sono bufale”. Il club: “È arrivata a noi”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:51
Inter, Conte: minacce e busta con proiettile a casa dell'allenatore
Inter, Conte: minacce e busta con proiettile a casa dell’allenatore

Episodio inquietante per l’allenatore dell’Inter Antonio Conte: gli è stata recapitata a casa una lettera anonima con minacce e un proiettile. L’allenatore dell’Inter ha presentato denuncia contro ignoti, mentre la società è stata messa al corrente dell’accaduto.

Inter, paura per Conte: busta con proiettile e minacce

Per il tecnico nerazzurro Conte – come spiega il Corriere della Sera – è scattata la vigilanza delle forze dell’ordine. Intanto gli inquirenti hanno già analizzato il contenuto della lettera ed esaminato la pallottola. Stabilito un livello di vigilanza non particolarmente alto. “Il materiale – si legge sul Corriere della Seraverrà sottoposto a tutte le analisi scientifiche e a tutti i possibili accertamenti per cercare di dare un’identità all'”anonimo”, ma per il momento sembra niente altro che l’azione di un mitomane“. Si è deciso comunque di prevedere quel livello di vigilanza aggiuntivo, piu’ che altro a scopo di precauzione”.

GLI AGGIORNAMENTI

La moglie di Conte smentisce tutto: “Sono bufale”

In tarda mattinata, però, è arrivata la smentita di Elisabetta Muscarello, la moglie di Antonio Conte, che su Facebook ha scritto: “Per la cronaca, la storia del proiettile è una bufala. E comunque un Italia siamo messi proprio male sulla comunicazione… per la serie: mi alzo, invento e scrivo! Senza pensare mai alle conseguenze!”, si legge nel post della moglie dell’allenatore dell’Inter.

L’Inter precisa: “La busta con le minacce è arrivata nella sede del club”

A seguito della smentita della moglie di Antonio Conte, l’Inter ha precisato con un comunicato che la lettera con le minacce nella sede nerazzurra. “In relazione alle notizie pubblicate oggi l’Inter precisa che Antonio Conte non ha ricevuto personalmente alcuna lettera minatoria – si legge nel comunicato – e, di conseguenza, non si è recato in prima persona a sporgere denuncia. E’ stato il club a ricevere una lettera e, come da prassi in questo genere di situazioni, ha provveduto a rivolgersi alle autorità competenti”.

Leggi anche – Caos Napoli, minacce alla moglie di Allan. Lei chiude account social