Serie B, risultati 30 novembre: il Benevento vola a Venezia, poker del Frosinone

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:56
Serie B, risultati 30 novembre: il Benevento vola a Venezia, poker del Frosinone
Serie B, risultati 30 novembre: il Benevento vola a Venezia, poker del Frosinone

Continua la marcia trionfale del Benevento che centra a Venezia la nona vittoria della stagione in B. La squadra di Inzaghi sale a 31 punti in 14 partite grazie al 2-0 al Penzo. In attesa della sfida del Pordenone, il Crotone di Stroppa sogna di salire provvisoriamente al secondo posto ma finisce 1-1 contro il Cittadella. Sale in zona playoff il Frosinone di Nesta, che domina 4-0 l’Empoli allo Stirpe. Serve a poco lo 0-0 tra Cremonese e Livorno.

Benevento a forza nove

Il Benevento è la squadra che finora in B ha vinto più partite, ne ha perse di meno, e ha incassato meno gol. A Venezia, i sanniti sbloccano il match al 29′ grazie a Coda che la tocca piano e bene sul cross deviato del capitano Maggio. Al 38′ grande chance per il raddoppio con il colpo di testa di Antei: Lezzerini para di spalla, con un gran riflesso e l’aiuto della traversa. Continuano i problemi difensivi per il Venezia, che subisce anche il gol del 2-0: lo segna Caldirola al 65′ su punizione di Kragl.

Il Crotone ferma il Cittadella

Crotone e Cittadella restano a pari punti a quota 22. Primo tempo equilibrato ma dai ritmi non eccessivamente elevati allo Scida. Nel finale Diaw colpisce male e vanifica la transizione di Rosafio. La ripresa si apre con ben altro spirito. Corner tagliato sul secondo palo di Barberis, al quinto assist su calcio da fermo in stagione, testa di Marrone e vantaggio Crotone. Il Cittadella, che torna a subire gol in trasferta dopo 492′, si conferma svagato in avvio di ripresa: sette le reti subite dai veneti dal 46’ al 60’ di gioco. Il Crotone mantiene l’iniziativa, ma al minuto 85 cambia tutto. Il Crotone resta in dieci per l’espulsione di Molina, e 2′ dopo il Cittadella pareggia con la deviazione di Luppi su una palla sporca da calcio d’angolo.

Frosinone, poker all’Empoli

Il Frosinone, che non prende gol allo Stirpe dal 28 settembre, resta una delle quattro squadre ancora senza sconfitte in casa in questa stagione in B come Benevento, Pordenone e Chievo. I ciociari sbloccano la partita al 2′: azione sulla destra, palla al centro per Novakovich che involontariamente serve Beghetto; preciso il destro che batte Brignoli. L’Empoli, osservato dall’alto dal nuovo tecnico Muzzi ancora squalificato, subisce reti da otto giornate: non tiene la porta inviolata dal 3-0 casalingo sul Perugia del 28 settembre scorso. Lo scenario per i toscani peggiora al 32′, quando il Frosinone raddoppia con un gol simile alla rete del vantaggio. Novakovich si inserisce ancora bene su un cross basso dalla destra con lo stesso movimento (finge di andare sul secondo palo e taglia sul primo), tenta di tirare ma colpisce male e traccia così l’assist per Dionisi bravo a seguire sul secondo palo. Il Frosinone dilaga e fa 3-0 con Novakovich, ancora su cross da destra. Zampano completa il poker dei ciociari, che firmano la terza vittoria in sette confronti diretti con i toscani, la prima dalla stagione 2015-16.

Serie B, risultati 30 novembre: il Benevento vola a Venezia, poker del Frosinone
Serie B, risultati 30 novembre: il Benevento vola a Venezia, poker del Frosinone

Cremonese-Livorno, vince la paura

Clima difficile allo Zini, per una sfida salvezza che si chiude con un pareggio non certo in grado di migliorare la situazione delle due squadre. Boultam, alla prima partita stagionale da titolare, si fa male subito: Marco Baroni deve far entrare Soddimo. I toscani non segnano in trasferta da oltre 300 minuti, giocano un match solido in un ambiente difficile per i padroni di casa, fischiatissimi anche a fine primo tempo. Il match è tirato, intenso, non bello. La Cremonese rischia all’81’ ma è notevole la diagonale di Migliore che anticipa Murilo pronto al colpo di testa sul secondo palo. E’ clamorosa però la parata finale di Plizzari che blinda lo 0-0 sul colpo di tacco di Ciofani all’ultimo secondo.

Leggi anche – Il VAR in serie B, cosa cambia