Inter, Conte che attacco ai giornalisti nel post Fiorentina: “Devono vergognarsi”

Conte Inter Fiorentina
Inter, Conte che attacco ai giornalisti nel post Fiorentina: “Devono vergognarsi”

L’Inter viene ripresa all’ultimo dalla Fiorentina e porta a casa un altro pareggio in campionato. Il posticipo domenicale di Serie A finisce 1-1 e permette alla Juventus di agganciare i nerazzurri in testa alla classifica.

Una settimana nera, intervallata dall’eliminazione in Champions League, che viene interpretata con queste parole da Antonio Conte, intervistato nel post-partita da Sky Sport: “Abbiamo raccolto meno di quanto creato, sbagliato troppe occasioni e concesso situazioni dove potevamo fare meglio. C’era stata una buona risposta della squadra, dispiace perché meritavamo qualcosa in più”.

Inter, Conte: “Giocano sempre gli stessi, paghiamo la stanchezza”

Il tecnico nerazzurro commenta ancora gli ultimi risultati: “Erano tre potenziali vittorie, che invece sono stati due pareggi e una sconfitta col Barcellona. Non penso ci sia da recriminare sull’impegno dei ragazzi, dobbiamo avere pazienza tutti quanti e migliorare i nostri errori come sul gol subito in contropiede. Non siamo in condizioni di vincere tutte le partite, stanno giocando sempre gli stessi giocatori e qualcosa a livello di stanchezza la paghiamo. Però guardiamo avanti, c’è rammarico ma comunque il campo di stasera è complicato”.

Infine Conte spiega anche il motivo della conferenza annullata, alla viglia di questa partita: “E’ tutto in mano a un avvocato, stanno guardando bene il colpevole. E’ stata una scelta dell’Inter, bisogna rispettare per essere rispettati. Tutta la categoria dei giornalisti non deve mancare di rispetto, non puoi prendere il singolo e mandi il segnale a tutti quanti. Certi pensano sempre a se stessi, è stato sorprendente che l’ordine dei giornalisti ha chiesto delle mie scuse. Chi tiene in mano la penna, non ha tutto un potere illimitato”.

Leggi anche – Fiorentina-Inter 1-1, Borja Valero non basta: Vlahovic gela i nerazzurri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *