Premier League, i 10 allenatori più pagati: un big assente dal podio

I 10 allenatori più pagati in Premier League
I 10 allenatori più pagati in Premier League

La Premier League è uno dei campionati più affascinanti in Europa e diverse sono le squadre di un certo rilievo che ne fanno parte. Dal Manchester City al Liverpool, passando per Tottenham e Chelsea, arrivando al Manchester United: tutti i top club hanno una grande tradizione.

Come ogni squadra che si rispetti c’è ovviamente un allenatore alla sua guida, in parte responsabile dell’andamento dei suoi giocatori durante la stagione. In un campionato così ricco come la Premier League non passano in secondo piano nemmeno gli stipendi dei tecnici, che in una classifica immaginaria lasciano spazio alle sorprese.

Premier League, la top 10 degli allenatori più pagati

Al decimo posto di questo elenco speciale (composto da dati ufficiali e dunque che non dà spazio a Mikel Arteta e Carlo Ancelotti appena trasferiti all’Arsenal e all’Everton) troviamo Sean Dyche, allenatore del Burnley dal 2012. Il manager guadagna 4,2 milioni di euro a stagione, una cifra di tutto rispetto se si tiene in considerazione che il suo club lotta ogni anno per la salvezza.

Salendo di una posizione c’è Eddie Howe, tecnico del Bournemouth. L’allenatore inglese, anche lui saldo sulla sua panchina dal 2012, percepisce uno stipendio di 4,8 milioni. I rossoneri, in questa stagione, stanno avendo qualche problema di troppo e Howe dovrà tentare di rigirare la sorte a suo favore.

Ottavo posto per Frank Lampard. L’ex giocatore, ora manager del Chelsea, ha iniziato da poco la sua avventura come allenatore, ma ha da subito impressionato per gli ottimi risultati ottenuti prima con il Derby County e poi con i Blues. Il fu centrocampista guadagna 6,5 milioni all’anno.

Nonostante il terz’ultimo posto in classifica con il Southampton, Ralph Hasenhuttl raggiunge la settima piazza di questa classifica. L’austriaco percepisce ben 7,1 milioni di euro, cifra che dovrà essere confermata con un miglioramento delle prestazioni da parte dei suoi giocatori.

Manuel Pellegrini ottiene il sesto posto con i suoi 8,3 milioni percepiti ogni stagione. L’allenatore cileno è arrivato lo scorso anno alla guida del West Ham e la salvezza resta l’obiettivo principale dato l’andamento della stagione in corso.

Jurgen Klopp, assente dal podio degli allenatori più pagati in Premier League
Jurgen Klopp, assente dal podio degli allenatori più pagati in Premier League

Dopo numerosi manager di squadre medio-piccole (eccezion fatta per Lampard e il suo Chelsea), a dividere la quinta e la quarta posizione ci sono due nomi importanti: Ole Gunnar Solskjaer del Manchester United e Jurgen Klopp del Liverpool. Entrambi percepiscono 9 milioni di euro ma, se da una parte di Red Devils continuano a faticare sia in Premier League che in campo internazionale, i Reds di Mané, Salah e Firmino hanno già messo un’ipoteca sullo scudetto dopo la vittoria della Champions League lo scorso anno. L’assenza di Klopp dal podio è sicuramente la sorpresa maggiore di questa classifica.

Sul gradino più basso della top 10 troviamo Brendan Rodgers. Il norvegese guadagna  11,9 milioni di euro all’anno, somma meritata per il lavoro che sta svolgendo con il Leicester attualmente secondo in classifica.

Medaglia d’argento per José Mourinho. Il manager del Tottenham ha ripreso ad allenare dopo circa un anno di inattività e la sua fama gli ha permesso di firmare un contratto da 17,8 milioni. Una cifra estremamente elevata per lo Special One, che dovrà far tornare grandi gli Spurs dopo gli ultimi mesi difficili.

Il “vincitore” della top 10 come allenatore più pagato della Premier League non poteva che essere Pep Guardiola. Il tecnico del Manchester City, campione in carica del campionato inglese, percepisce un ingaggio pari a 24 milioni di euro all’anno. Lo spagnolo ora è terzo in classifica con i Citizens, ma l’obiettivo di questa stagione sembrerebbe essere la Champions League.

Leggi anche -> Everton, Kean sostituito dopo 19′: incerto il suo futuro in Premier League

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *