Spinazzola-Politano, lo scambio si sblocca: Inter e Roma trovano l’accordo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:50
Spinazzola-Politano, lo scambio si sblocca: Inter e Roma trovano l'accordo
Spinazzola-Politano, lo scambio si sblocca: Inter e Roma trovano l’accordo

Sembrava un affare fatto. O meglio, uno scambio ormai concluso. Spinazzola all’Inter e Politano alla Roma: scambio alla pari, prestito con obbligo. E invece qualcosa è andato storto. Mentre l’attaccante si è pure messo in posa con sciarpa e maglia giallorossa, per il difensore ieri un inquietante silenzio. Oggi, dopo una giornata di tensioni, è tornato il sereno, le parti si sono rimesse a parlare e hanno trovato un’intesa per concludere lo scambio.

L’Inter ci ripensa: formula speciale per Spinazzola

Tutto sarebbe stato messo in stand-by dall’Inter, non convinta delle condizioni fisiche di Spinazzola. Dubbi che avrebbero portato il club nerazzurro a chiedere altri test medici, che erano previsti per oggi ma che al momento non risultano essere stati fatti per volere dei capitolini. Secondo Sky Sport, i nerazzurri avrebbero perfino cambiato i termini dell’accordo: prestito normale, senza riscatto obbligatorio. Soluzione alla quale la Roma si era opposta.

Il riavvicinamento

Nelle ultime ore le parti si sono riavvicinate, riprendendo una trattativa che ha avuto momenti di tensione. L’affare rischiava di saltare dopo un momento di stallo, interrotto dalla ripresa dei contatti tra Inter e Roma. Entrambi i club hanno voluto ricucire lo strappo, lavorando su un possibile obbligo di riscatto legato a un determinato numero di presenze da parte di Spinazzola, ancora da definire tra 15 o 16 almeno. In questo caso i nerazzurri, ancora non convintissimi dell’integrità fisica del terzino, avrebbero un salvagente nel caso l’esterno basso accusasse nuovi problemi fisici e non venisse utilizzato da Conte.

Leggi anche – Calciomercato Inter, le notizie di oggi live: giallo Spinazzola, Young aspetta

Leggi anche – Calciomercato Inter, le notizie di oggi: Eriksen e Giroud, Ausilio a Londra. Spinazzola non firma