Juventus, Sarri: “Pensiamo alla Spal. Pjanic sta meglio di Higuain”

Sarri in conferenza per Spal-Juventus
Sarri in conferenza per Spal-Juventus

Maurizio Sarri ha parlato in conferenza stampa alla vigilia di Spal-Juventus, partita valida per la 25.a giornata di Serie A. I bianconeri sono reduci dal successo in casa contro il Brescia e hanno ottenuto nuovamente il primato della classifica in solitaria.

Sarri ha risposto alle domande dei giornalisti partendo con alcune novità sulle condizioni di Giorgio Chiellini: Sta piuttosto bene, valuteremo insieme dopo l’allenamento. Gli manca solo l’ultimo passo che può fare di più in partita”. Su Cuadrado ha aggiunto: “Ha fatto vedere miglioramenti enormi come terzino, per necessità di questo periodo è tornato a fare l’esterno offensivo. Siamo contenti del suo rendimento”.

Juventus, Sarri sulle condizioni di Pjanic e lo stile di gioco

Il tecnico bianconero ha parlato anche di Sami Khedira, reduce da un infortunio: “C’è da decidere se portarlo con noi o se lasciarlo qui a lavorare altri due giorni. Ascolteremo lo staff dei preparatori per capire in quale direzione andare”. In merito a Bernardeschi ha dichiarato: “Purtroppo, per mille vicissitudini è stato sballottato da un posto all’altro. Il 4-3-3? Sicuramente senza Douglas Costa è un’alternativa in quel ruolo”. 

Sul discorso diffide in vista della gara con lInter ha detto: “Sono calcoli che ho visto saltare in aria troppo spesso in passato. Peniamo alla partita di domani senza grossi pensieri”. Poi ha aggiunto: Pjanic sta abbastanza bene, è più avanti di Higuain che ha ancora dolore alla schiena. Miralem ha svolto un allenamento sostanzioso”.

“Il Sarrismo e il Sacchismo sono etichette messe dall’esterno ma che hanno valenza pari allo zero, ha detto Sarri. Il tecnico della Juventus ha concluso: “La testa, in questo momento, deve essere solo alla partita di Ferrara. Stop. Senza altri pensieri. Domani sarà una gara difficile perchè si stanno giocando la salvezza”. 

Leggi anche -> Juventus, prezzi “folli” per Inter e Lione: l’ira dei tifosi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *