Emergenza Coronavirus, River Plate si rifiuta di scendere in campo: rischia sanzioni

Emergenza Coronavirus, River Plate rifiuta di scendere in campo: rischia sanzioni
Emergenza Coronavirus, River Plate rifiuta di scendere in campo: rischia sanzioni

Nonostante l’emergenza Coronavirus sia ormai planetaria, il calcio in Argentina non si è fermato. Eppure, il River Plate si è rifiutato di scendere in campo per timore del contagio.

Paura Coronavirus, il River Plate si rifiuta di giocare

È accaduto nella finale di Supercoppa di Lega tra il River e l’Atletico Tucuman. La Federazione argentina ha risposto con molta durezza, contestando il ritiro della squadra e annunciando sanzioni molto dure. Il River Plate ha ricevuto la solidarietà di Diego Armando Maradona, rivale storico essendo tifoso del Boca, ed ha apprezzato pubblicamente il coraggio della squadra biancorossa, inviando il suo sostegno.

Leggi anche – Coronavirus, Maradona sostiene l’Italia: “E’ parte della mia vita, sono con voi”

Leggi anche – Maradona jr e il paragone tra il padre e Messi: la risposta scatena i social

Leggi anche – Coronavirus, in Inghilterra sport fermo a metà: Premier sospesa, in migliaia alle maratone cittadine