Cannavaro in aiuto di Napoli, la donazione all’ospedale Cotugno

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:31
Cannavaro invia 50mila mascherine all'Ospedale Cotugno
Cannavaro invia 50mila mascherine all’ospedale Cotugno

Emergenza Coronavirus, in questo clima di precarietà collettiva c’è un’altra questione – non meno importante – che viene messa in evidenza: i mezzi al sud scarseggiano, mancano le attrezzature adeguate per fronteggiare la situazione. L’ha fatto notare anche il Governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca, i partenopei sorridono poco in questo periodo. Come tutti, del resto, ma c’è chi è costretto (date le circostanze poco rassicuranti) a crucciarsi un po’ di più. A scarseggiare sono anche i mezzi di sicurezza.

Fabio Cannavaro dona all’Ospedale di Cotugno: 50mila mascherine alla strutture

Fabio Cannavaro sostiene l'Ospedale Cotugno
Fabio Cannavaro sostiene l’ospedale Cotugno

Allora Fabio Cannavaro, da difensore esperto, entra in tackle scivolato per evitare ulteriori complicazioni. O almeno provarci. L’ex campione di Inter, Juventus e Real Madrid – ora allenatore del Guangzhou – ha fatto il possibile dopo aver sottolineato nuovamente quanto sia importante la collaborazione, il rigore e rispetto delle disposizioni governative per sconfiggere definitivamente il COVID-19. L’ex difensore, Pallone D’Oro del 2006 dopo aver conquistato il Mondiale con l’Italia, ha donato 50mila mascherine all’ospedale Cotugno: “Non amo parlare di queste cose. Quelli come me è giusto che si impegnino in prima persona. Questa era una cosa che sentivo mia, un modo di star vicino alla mia gente e non ho molto voglia di pubblicizzarlo. Spero siano cose utili”, ha dichiarato.

Inoltre, l’allenatore ha ricordato come stia portando avanti un’ulteriore raccolta fondi con la Nazionale Italiana del 2006 per essere ancora una volta Campioni del Mondo nel campionato più utile in questo momento: quello contro il Coronavirus. Distanti, ma uniti si può vincere. Ancora una volta.

Leggi anche –> Coronavirus, Federer in aiuto delle famiglie povere svizzere: la somma donata dal tennista