Balotelli, con il Brescia è finita: Raiola lo propone a un altro club

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:04
Balotelli insiste: "Nessuno sfottò alla Juve, state a casa e pensate alle cose serie"
Balotelli prossimo all’addio al Brescia

Con la ripresa della Serie A sempre più incerta e, al momento, utopistica a tenere vive le cronache calcistiche ci sono le immancabili indiscrezioni di mercato che, mai come in questo momento, vanno prese con la giusta considerazione, tenendo conto che anche la prossima stagione si prospetta alquanto nebulosa.

Sicuramente, se e quando si ripartirà, ad animare il mercato ci sarà nuovamente Mario Balotelli. Il ritorno in Serie A al Brescia si è rivelato poco soddisfacente per l’attaccante che non è riuscito a fare la differenza complice anche un rendimento di squadra alquanto altalenante con le Rondinelle invischiate nella lotta per la retrocessione, ipotesi quest’ultima che, se si concretizzasse, scioglierebbe automaticamente il contratto dell’attaccante

Balotelli, addio Brescia: Raiola gli cerca squadra

L’addio tra Balotelli e il Brescia sembra dunque inevitabile e Raiola è già al lavoro per trovargli un’altra squadra. Di certo i contatti non mancano al super procuratore che continua a ritenere Super Mario uno dei pezzi pregiati della sua scuderia che, annovera, solo per citarne alcuni Ibrahimovic, Pogba, Haaland e De Ligt.

Brescia, Balotelli sulla lite con Grosso
Brescia, Mario Balotelli

Il Corriere della Sera riporta la notizia di un interessamento del Galatasaray per Balotelli. Non è certo la prima volta che il club campione di Turchia allenato da Fatih Terim viene accostato all’attaccante italiano. Peraltro, il Gala non è nuovo a colpi ad effetto con l’ingaggio di calciatori esperti pronti a rilanciarsi in un campionato, come quello turco, che ha aumentato la proprio competitività.

In passato è accaduto con Drogba poi con l’ex interista Sneijder. La scorsa estate è approdato in giallorosso Radamel Falcao dal Monaco. Chissà se stavolta sarà la volta buona anche per Balotelli.

Leggi ancheCellino: “Coronavirus come la peste. Campionato finito”