Serie A, Spadafora rinvia la ripresa: “Irrealistico il 3 maggio”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:28
Serie A, Spadafora rinvia la ripresa: “Irrealistico il 3 maggio”
Serie A, Spadafora rinvia la ripresa: “Irrealistico il 3 maggio”

La domanda che tutti gli italiani si pongono: quando finirà la quarantena? Un quesito a cui è difficile dare una risposta. Figurarsi quanto sia complicato ipotizzare una data per la ripresa del campionato. Ad oggi, una teorica scadenza è fissata per il 3 maggio: tuttavia non sembrano esserci i presupposti. La conferma arriva direttamente dal ministro dello Sport Spadafora, che in un’intervista a Repubblica ha provato a chiarezza: “Domani farò la proposta di prorogare per tutto il mese di aprile il blocco delle competizioni sportive, a tutti i livelli. Di ogni ordine e grado. Questa misura sarà estesa anche agli allenamenti, sui quali non eravamo ancora intervenuti perché c’era ancora la possibilità delle Olimpiadi, che ormai sono state annullate”.

Serie A, Spadafora rinvia la ripresa: “Irrealistico il 3 maggio”
Serie A, Spadafora rinvia la ripresa: “Irrealistico il 3 maggio”

Spadafora: “Le società devono ridimensionarsi. Vivono al di sopra delle loro possibilità”

A questo punto il ministro Spadafora è chiaro nel parlare di possibili date per la ripresa: “L’idea di riprendere il campionato il 3 maggio è irrealistica – spiega Spadafora dalla Lega di Serie A mi aspetto che le richieste che ci arriveranno siano accompagnate da una proposta di cambiamento e una volontà a riguardo. Le grandi società di calcio vivono in una bolla, spesso al di sopra delle loro possibilità. A partire dagli stipendi milionari dei calciatori. Bisogna capire che niente sarà più come prima. Intanto arriveranno 400 milioni di aiuti per lo sport di base, per aiutare le associazioni dilettantistiche sui territori. Questo è un tessuto che sarà uno dei motori per far ripartire il calcio”.

Leggi anche – Serie A, l’annuncio di Spadafora: quando potrebbe riprendere il campionato

Leggi anche – Coronavirus, ESCLUSIVO Cosimo Sibilia: “Tremila società della LND rischiano di sparire”