Coronavirus, sequestrate mascherine illegali: avevano loghi di Serie A

Le mascherine, ormai, fanno parte della vita quotidiana di ognuno: la Guardia di Finanza ha sequestrato un ingente quantitativo di mascherine illegali, tutti con i loghi delle squadre di Serie A

Coronavirus, sequestrate mascherine illegali: avevano loghi di Serie A
Coronavirus, sequestrate mascherine illegali: avevano loghi di Serie A

Purtroppo, l’emergenza Coronavirus le ha fatte diventare un oggetto di uso quotidiano.
Così le note mascherine fanno parte della vita di ognuno, e sarà così anche in futuro. Anche quando comincerà la tanto attesa “Fase-2”, le mascherine diventeranno un oggetto da indossare quotidianamente e per ogni attività. Ecco perché qualcuno sta già pensando di renderle più “user friendly” e addobbarle con decorazioni e colori. Un modo per rendere questi presidi sanitari degli oggetti di uso comune, e perché no – alla moda.

Potrebbe interessarti anche – Sarri, l’niziativa per la sua Figline: mascherine in dono per gli abitanti

Sequestrate mascherine con i loghi della Juventus e di altre squadre
Sequestrate mascherine con i loghi della Juventus e di altre squadre

Sequestrate mascherine con i loghi della Juventus e di altre squadre

Qualcuno ha avuto l’idea di decorare delle mascherine con i loghi delle squadre di Serie A: Inter, Juventus, Roma, Napoli, Lazio, Inter e Fiorentina. Peccato che queste mascherine erano del tutto fuori norma, non conformi alle leggi comunitarie sulla salute vigenti in Italia. Ben 130mila di queste mascherine sono state sequestrate dai Finanzieri del 3° Nucleo Operativo Metropolitano in un magazzino situato nel quartiere prenestino a Roma.

Erano tutte con il marchio “CE” contraffatto. Per di più, l’utilizzo dei loghi delle squadre di Serie A per renderle più accattivanti, era totalmente fuori legge, in quanto per utilizzare i simboli delle formazioni del campionato italiano occorrono diritti, che ovviamente non erano stati pagati. Denunciate 17 persone.

Leggi anche – Mezzi pubblici, obbligo guanti e mascherine: le disposizioni anti contagio Coronavirus