Sancho, che multa: il taglio dei capelli costa caro all’attaccante

La Bundesliga ha deciso di punire Jadon Sancho che, insieme ad altri compagni del Borussia Dortmund, avrebbe violato per il protocollo per tagliarsi i capelli.

Sancho Multa
Sancho (Getty Images)

La Bundesliga non fa sconti a nessuno e decide di intervenire nel caso scatenato da alcuni giocatori del Borussia Dortmund. Tra questi c’è Jadon Sancho, colpevole di essersi tagliato i capelli senza utilizzare la mascherina come dimostrano le foto circolate sui social network. Una pratica proibita dal rigido protocollo tedesco che non prevede appuntamenti casalinghi con un parrucchiere, senza rispettare le misure sanitarie vigenti.

Per questo motivo la Federcalcio tedesca, la DFL, oggi ha comunicato delle sanzioni economiche ai calciatori coinvolti. Le multe però sono andate soltanto a Sancho e Akanji nonostante inizialmente si pensava fossero coinvolti altri compagni. Una figuraccia per i due giocatori gialloneri, in particolare per il classe 2000 inglese che l’ultima partita aveva segnato una tripletta ed esultato in onore di George Floyd.

Ti potrebbe anche interessare – Il Borussia Dortmund bacchetta Sancho: lavata di testa… per il barbiere

Bundesliga, Sancho viola il protocollo: arriva la punizione

Sancho Capelli
Jaidon Sancho (Getty Images)

Non sono passate sottotraccia le immagini social che ritraevano Jadon Sancho impegnato dal parrucchiere senza mascherina. Una foto presa subito in esame e verificata dalla Bundesliga, molto severa in materia di igiene e prevenzione del contagio da Coronavirus. Tutti i calciatori sono tenuti a rispettare le regole del protocollo, altrimenti sono previste sanzioni ai diretti interessati.

Come è successo all’attaccante del Borussia Dortmund, punito pubblicamente per il suo errore senza però specificare l’entità esatta della multa. Il danno economico, si legge dalla nota ufficiale, andrà sicuramente a carico del giocatore (potrà presentare ricorso entro cinque giorni) e non della società ritenuta innocente di questo episodio.

Leggi anche – Bundesliga, esultanze per Floyd: annunciata la decisione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *