Roma, Smalling più lontano: il Man United frena sul rinnovo del prestito

Chris Smalling rischia seriamente di non poter giocare l’Europa League con la Roma. I giallorossi vorrebbero trovare un accordo con il Manchester United per il rinnovo del prestito, ma la strada sembrerebbe essere in salita. Le motivazioni della frenata nell’affare.

Chris Smalling, l'affare si complica per la Roma (Getty Images)
Chris Smalling, l’affare si complica per la Roma (Getty Images)

Chris Smalling, il tempo stringe. Lo sanno bene a Roma, sponda giallorossa, che devono fare le cose in fretta e bene se vogliono avvalersi di un talento difensivo ben inserito nell’organico di Fonseca anche per l’Europa League. Al momento le possibilità che il giocatore – di proprietà del Manchester United – possa effettivamente disputare la competizione con i giallorossi sono piuttosto basse.

Smalling, fumata nera per la Roma: il riscatto del prestito si allontana

Roma, frenata sul rinnovo del prestito di Smalling (Getty Images)
Roma, frenata sul rinnovo del prestito di Smalling (Getty Images)

Una serie di fattori ostacolerebbero il rinnovo del prestito che tratterrebbe così il difensore alla corte di Fonseca: l’intenzione di Fienga e Baldini resta quella di tenere uno dei giocatori che meglio si è espresso, sotto il profilo delle prestazioni e per continuità, nell’organico romanista. Tuttavia c’è la questione economica da sciogliere legata a fattori di natura strategica. Nella fattispecie, la Roma punta a rinnovare il prestito oneroso con l’obbligo di riscatto allo United partendo da 18 milioni. I Red Devils, però, ne vogliono almeno 20 e fanno pressione potendosi permettere di tirare un minimo la corda. Sicumera garantita dall’interessamento del Tottenham che vuole in egual modo il difensore e può mettere in difficoltà i giallorossi nella corsa al cartellino del 31enne di Greenwich.

Leggi anche – Calciomercato Juventus: almeno un big per ruolo, le mosse di Paratici

In ultima istanza c’è la volontà del giocatore, che gradirebbe restare a Roma, essendo disposto persino a ridursi l’ingaggio (mezzo milione) che però potrebbe non bastare, dal momento che il Manchester è una diretta concorrente della Roma in Europa League e, qualora si presentasse l’ipotesi di uno scontro fra le compagini, gli inglesi non vorrebbero certamente garantire una valida pedina agli avversari.

Leggi anche – Inter-Napoli, Conte stimola Lukaku: “Può migliorare ancora”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *