Inter, Conte: “Mercato finisca presto. Io e Inzaghi malati di calcio”

Alla vigilia del match contro il Benevento, Antonio Conte invita i suoi a non sottovalutare l’avversario . Non manca un commento negativo sul mercato ancora aperto.

E’ già vigilia di campionato in casa Inter, reduce dalla vittoria, ottenuta non senza qualche batticuore di troppo, contro la Fiorentina, e intenzionata a ripetersi contro il Benevento. La gara, recupero della prima giornata di Serie A, andrà affrontata con la dovuta concentrazione: i campani, infatti, sono stati i veri dominatori del campionato cadetto nella scorsa stagione e hanno dimostrato di essere un osso duro solo pochi giorni fa, quando sono riusciti a rimontare e battere la Sampdoria. Proprio per questo Antonio Conte ha invitato i suoi a dare il massimo.

L’impegno che ci attende domani è decisamente tosto – ha detto il tecnico nerazzurro in conferenza — Già nella scorsa stagione il Benevento ha dimostrato di avere una rosa dotata di buone individualità ed è in grado di metterci in difficoltà. Loro poi sono guidati da un bravo allenatore come Inzaghi. Lo conosco bene, è una persona passionale, è in grado di dare tanto alla squadra che allena. Sono contento di quello che sta facendo”.

Inter, Vidal e non solo: le prossime mosse di mercato
Antonio Conte (Foto: Getty Images)

Potrebbe interessarti –  Calciomercato Inter, l’Atalanta punta Gagliardini: Conte lo lascerà partire?

Conte e il mercato aperto: un’insidia in più

Nel frattempo, mancano ancora pochi giorni alla conclusione di questa sessione di calciomercato, una fase che le squadre possono sfruttare per migliorare i difetti evidenziati in questi primi impegni. Giocare in questo periodo potrebbe però non essere semplice e potrebbe portare i giocatori a essere distratti. Questo aspetto è stato evidenziato proprio da Conte: “Non spetta a me dire cosa faremo sul mercato, è una domanda che dovete fare ai dirigenti. Una cosa però posso dirla: Non vedo l’ora che finisca. In questi giorni stanno circolando troppe indiscrezioni, non tutte certamente sono vere, ma possono influire sul livello di serenità dei miei calciatori e questo non è certamente bello”.

Non è mancato un commento sulla gara contro la Fiorentina, che ha regalato tanti colpi di scena: “Abbiamo messo in mostra un calcio offensivo e aggressivo in fase di non possesso. Le emozioni non sono mancate, ma quando abbiamo preso gol abbiamo dimostrato di non avere grande equilibrio. E’ questo l’aspetto in cui è necessario migliorare” – ha concluso.

Leggi anche – Inter, patto tra Conte, Marotta e Zhang: retroscena per lo scudetto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *