Morgan De Sanctis, asportata la milza: le condizioni del ds della Roma

Nella notte tra 5 e 6 gennaio Morgan De Sanctis è stato coinvolto in un incidente con il suo Suv: è stato sottoposto a intervento chirurgico per l’asportazione della milza, oltre ad avere riportato diverse fratture.

In casa Roma, nonostante la soddisfazione per la vittoria di ieri, cresce l’ansia per le condizioni di Morgan De Sanctis, coinvolto nella notte tra 5 e 6 gennaio con il Suv. Il sinistro è avvenuto sulla Cristoforo Colombo, all’altezza di piazza dei Navigatori, mentre l’ex portiere stava tornando all’Aventino, dove abita, dopo essere stato a Trigoria. La situazione è apparsa subito da non sottovalutare, al punto tale da optare per il ricovero in terapia intensiva.

Il dirigente giallorosso è stato così sottoposto a un intervento dopo avere riportato un’emorragia interna, che ha reso necessaria l’asportazione della milza. A questo si aggiungono fratture multiple alle costole e ferite dorsali.

De Sanctis
Morgan De Sanctis e Paulo Fonseca (Foto: Getty Images)

Potrebbe interessarti – De Sanctis, grave incidente stradale: le condizioni dell’ex portiere

Come sta Morgan De Sanctis? La situazione dopo l’intervento chirurgico

Nonostante l’intervento eseguito d’urgenza, il direttore sportivo della Roma sembra reagire al meglio e non ha riportato particolari complicanze. I medici preferiscono comunque essere cauti e almeno per qualche giorno continuerà a restare in ospedale per poter essere tenuto sotto osservazione.

C’è comunque un aspetto importante che appare positivo: l’ex portiere non risulta essere in pericolo di vita. Il fatto che lui non abbia perso conoscenza subito dopo l’impatto sembrava essere un segnale incoraggiante. Anzi, era stato lui stesso a rifiutare il trasferimento in ambulanza, preferendo rivolgersi a Villa Stuart, struttura di riferimento per la Roma, per effettuare una serie di controlli che sembravano essere solo di routine. Il trasferimento al Policlinico Gemelli si è pero reso indispensabile per monitorare l’evoluzione del trauma cranico riportato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *