De Sanctis, grave incidente stradale: le condizioni dell’ex portiere

Morgan De Sanctis, ex portiere e ora dirigente della Roma, è rimasto coinvolto in un incidente stradale. Al momento si trova in terapia intensiva ma non sarebbe in pericolo di vita

Il team manager della Roma, nonché ex portiere, Morgan De Sanctis è finito vittima di un grave incidente d’auto nella notte in via Cristoforo Colombo. Dopo aver svolto i tamponi prima della partita contro il Crotone, in seguito alla positività del nuovo direttore sportivo Tiago Pinto, l’ex estremo difensore del Napoli è rimasto coinvolto nel terribile incidente a bordo della sua Hyundai.

In un primo momento sarebbe stato accompagnato a Villa Stuart, ma subito dopo ha raggiunto d’urgenza il Policlinico Gemelli. I dottori l’hanno sottoposto ad una lunga operazione, durata diverse ore. Secondo il Corriere della Sera, sarebbe stata anche esportata la milza. Dalle prime indiscrezioni, fortunatamente De Sanctis non sarebbe in pericolo di vita.

Potrebbe interessarti anche: Elabdellaoui, grave incidente a Capodanno: rischia la vista, cosa è accaduto

De Sanctis, grave incidente stradale: le condizioni del dirigente della Roma

De Sanctis, le condizioni dopo l'incidente (Getty Images)
De Sanctis, le condizioni dopo l’incidente (Getty Images)

Bruno Conti si sarebbe recato per primo in ospedale, rimanendo fuori alla sala operatoria. L’ex giocatore condivide con De Sanctis la direzione del settore giovanile della Roma. Il resto della squadra giallorossa ha appreso questa mattina la notizia, vivendo alcune ore di apprensione prima della sfida con il Crotone in programma alle 15:00 di oggi.

Questa mattina l’ex portiere si è sottoposto ad un intervento dopo aver riportato anche una frattura ad alcune costole. Le sue condizioni sembrano stabili, ma, al momento, resterebbe in terapia intensiva. Nelle prossime ore potrebbero arrivare ulteriori informazioni, con la Roma che giocherà senz’altro condizionata da una notizia improvvisa ed estremamente preoccupante. Vi invitiamo a rimanere collegati su queste pagine per tutte le ultime novità sulla vicenda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *