Supercoppa, la crisi colpisce il calcio: dimezzati i premi rispetto al passato

Supercoppa sempre più bistrattata a causa della crisi economica. Rispetto alla gara di Riad dell’anno scorso, i premi previsti per Napoli e Juventus sono nettamente inferiori. 

Supercoppa
Cristiano Ronaldo (Getty Images)

È tempo di Juventus-Napoli ma non il recupero di Serie A bensì la super sfida di Supercoppa italiana. La vincitrice dello scorso campionato contro la vincitrice dell’ultima Coppa Italia. Basterebbe pensare a questo, e a tutto ciò che c’è dietro a questa sfida, per esaltare la gara che si terrà al ‘Mapei Stadium’. Il cuore, la passione e la storia, non bastano per alle società che, con una crisi economica in atto, sono sempre più alla ricerca di nuovi introiti. Di solito, partecipare ad una finale o vincere un trofeo, consentiva al club di turno di guadagnare una bella cifra. Questa volta però, proprio a causa della crisi economica dovuta all’avvento della pandemia, non sarà così. Infatti, rispetto solo ad un anno fa, i premi derivanti dalla partecipazione a tale competizione saranno molto più bassi.

Leggi anche: Juve-Napoli, Agnelli non sarà allo stadio: il motivo della sua assenza

Supercoppa: premi dimezzati in un anno

Supercoppa
Lazio’ celebra la vittoria in Supercoppa (Getty Images)

Come detto in precedenza, l’edizione 2020/2021 della Supercoppa si disputerà in Italia. Dopo due edizioni in Arabia Saudita, a causa della pandemia, si è optato per disputarla in territorio nazionale. Una scelta che, visti gli accordi che prevedono 3 edizioni su 5 dal 2018 al 2022 in Arabia Saudita, costringerà la FIGC a disputare lì un’altra gara.

Il problema però non risiede tanto nell’organizzazione del prossimo calendario quanto, nella diminuzione degli introiti legata alla Supercoppa. Ebbene sì, nella passata stagione Juventus e Lazio incassarono una cifra pari a 5,8 milioni di euro. L’assenza di pubblico causa covid-19, ha spinto l’Arabia Saudita a rinunciare alla possibilità di organizzare di nuovo l’evento. Per questo, la scelta è ricaduta su Sassuolo: una soluzione ottima in termini di logistica per i due club e che, sostanzialmente, dovrebbe dare valore alla competizione giocandola nel proprio Paese. In realtà però così non è visto che, gli introiti previsti per la gara Juventus-Napoli saranno 2,6 milioni di euro. Insomma, un premio dimezzato quasi del cinquanta per cento e che dimostra come, giocare all’estero aumenti all’appeal del nostro campionato e gli introiti per i nostri club.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *