Juventus-Bologna, Mihajlovic: “Squadra mia bella ma non balla”

Juventus-Bologna, le parole di Sinisa Mihajlovic alla fine della partita persa dalla sua squadra, per 2-0, ai microfoni di ‘Dazn’

Mihajlovic Bologna
Mihajlovic Bologna

Queste le parole del tecnico del Bologna, Sinisa Mihajlovic, subito dopo la fine della partita persa dalla sua squadra contro la Juventus: “Il primo tempo non ci abbiamo creduto abbastanza, abbiamo giocato sotto ritmo. Nel secondo li abbiamo alzati, ci abbiamo creduto nel pareggio. Nel momento migliore nostro abbiamo subito il 2-0. La Juventus ha meritato, ma a noi manca sempre qualcosa per chiudere. Li abbiamo presi alti, dopo il 2-0 ci siamo slacciati un po’. Forse c’era seconda ammonizione di Arthur, forse la partita cambiava. Il loro portiere ha fatto grandi interventi, stavamo lì in area e non abbiamo concretizzato. 

Peccato, la mia squadra è bella ma non balla. Non ci abbiamo mai creduto fino in fondo di vincere. Se avessimo un giocatore più presente in area avremmo giocato peggio. Abbiamo giocatori tecnici e veloci che non danno punto di riferimento. Molti di loro non hanno il gol nel sangue. Le nostre partite, dal punto di vista fisico e tecnico la facciamo, dobbiamo fare il salto di qualità dal punto di vista mentale. Voglio più cattiveria e più responsabilità. Dobbiamo soffrire e osare. Avere una mentalità vincente e sfruttare al meglio quello che creiamo”.

LEGGI ANCHE >>> Juventus-Bologna 2-0: apre Arthur, McKennie illumina. Pirlo torna a vincere

Juventus-Bologna, Mihajlovic: “Barrow deve ancora crescere

Mihajlovic Juventus Bologna
Mihajlovic Juventus Bologna

“Barrow? Sta lavorando molto. Non è una prima punta, può fare la seconda punta o attaccante esterno. Da sette-dieci giorni sta lavorando intensamente e sicuramente migliorerà. Ha la fortuna di avere un grande compagno come Palacio. Musa è molto intelligente, ha nel sangue il gol. Deve migliorare nei movimenti, sono fiducioso in lui. Con il tempo ci darà molte soddisfazioni.

Vignato? Si preoccupava molto di Cuadrado, ma non era il suo uomo. Stava molto basso. E’ un ragazzino. L’anno scorso era in Serie B e oggi ha giocato contro la Juventus. Era emozionato e ci sta. Centrocampisti? Non hanno fatto molto bene. Non si sono trovati bene. Nel secondo tempo hanno giocato molto meglio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *